Consulenza o Preventivo Gratuito

Voluntary disclosure, al via il “secondo episodio”

del 29/04/2016
di: Redazione
Voluntary disclosure, al via il “secondo episodio”

Il governo si trova di fronte a una scelta difficile: come disinnescare le temutissime clausole di salvaguardia che dovranno essere neutralizzate con una manovra da 15 miliardi di euro. L’esecutivo, per bocca del ministro Pier Carlo Padoan, si è impegnato a non far aumentare accise e Iva, ma per fare ciò è necessario reperire risorse. Uno dei modi individuati è quello di ricorrere a una nuova tranche di voluntary disclosure.

 

Lo scandalo dei Panama Papers, da questo punto di vista, conferma la bontà dell’iniziativa: almeno 800 gli italiani ritrovati negli elenchi dei possessori di conti off shore nel paradiso fiscale centramericano. Per questo, tentare nuovamente la strada del rientro volontario dei capitali detenuti illegalmente all’estero potrebbe portare a un extra gettito significativo. La prima tranche, che verrà validata definitivamente entro il 31 dicembre 2016, porterà in dote una cifra compresa tra i 3,9 e i 4,1 miliardi di euro.

 

Di più: secondo l’Ocse, che si era fatta paladina di interventi di questo tipo in tutti i paesi, sarebbe opportuno che questo meccanismo diventasse “fisso”, e non una tantum. In questo modo, lo stato potrebbe ridurre l’elusione e potrebbe contare su un tesoretto aggiuntivo che consentirebbe, per esempio, di intervenire su pensioni e costo del lavoro.

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Il fornitore Ue, ha l'obbligo di emettere fattura

del 26/01/2013

Il fornitore comunitario che effettua operazioni territorialmente rilevanti in Italia nei confronti...

Assicurazioni, via i limiti al mercato internazionale

del 07/02/2013

Eliminare gli ostacoli giuridici al commercio internazionale dei prodotti assicurativi. Questo l'obi...

Evasione: un codice fiscale unico ed europeo

del 26/02/2013

Un codice fiscale europeo e un manuale unico del contribuente comunitario. Parte da qui la nuova spa...