Consulenza o Preventivo Gratuito

Collaboratori, nuova disciplina contrattuale

del 03/02/2016
di: Redazione
Collaboratori, nuova disciplina contrattuale

Dal 1° gennaio scorso una norma del Jobs Act non potrà che rendere felici i lavoratori che prestano la loro opera in regime di parasubordinazione: la norma, infatti, prevede che i trattamenti retributivi, contributivi e di tutele (malattia, maternità, tfr ecc.) siano gestiti esattamente come nel caso di contratto dipendente.

 

Questa particolare disciplina si applica nel caso in cui il committente stabilisca i tempi e i luoghi della prestazione. L’idea del governo, infatti, è quella di ridurre la convenienza per il datore di lavoro di ricorrere ai contratti parasubordinati (co.co.co. e a progetto). Esisteranno, di fatto, due diversi tipi di contratti parasubordinati: il primo, il tradizionale co.co.co., prevede che vi sia una collaborazione autonoma e che sia presente un “progetto” basilare cui fare riferimento. La seconda, oggetto della revisione, prevede la natura esclusivamente personale della prestazione. Inoltre, se il committente, dal primo gennaio scorso, stabilisce tempi e luoghi, le tutele e i diritti del contratto saranno interamente equiparati a quelli del lavoro subordinato.

 

Ricapitolando, i tre requisiti fondamentali che definiscono la nuova collaborazione a progetto sono la natura esclusivamente personale del rapporto di lavoro, la continuità e la definizione di tempi e luoghi di lavoro.

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Tirocini linee guida uniformi in tutte le regioni

del 26/01/2013

Via libera alle linee guida sui tirocini. La conferenza stato-regioni, infatti, ha predisposto le no...

L'Istat aumenta il tetto degli stipendi dei manager

del 01/02/2013

È di 302.937 euro la retribuzione spettante per l'anno 2012 al primo presidente della Corte di cassa...

Le retribuzioni si adeguano al costo della vita

del 12/02/2013

Un po' più pesante la busta paga della colf. L'incremento dei minimi salariali dal 1° gennaio 2013 è...