Consulenza o Preventivo Gratuito

Start up agevolate, arriva l’Investment Compact

del 25/11/2015
di: Redazione
Start up agevolate, arriva l’Investment Compact

Due pareri del Mise, pubblicati rispettivamente il 29 ottobre e il 3 novembre scorsi, hanno reso meno rigido l’accesso al regime agevolato per le start up innovative, di cui si è iniziato a parlare nel nostro ordinamento dal 2012 con i decreti a firma di Corrado Passera.

 

Tra le novità più importanti introdotte con i pareri, l’estensione a 60 mesi (prima erano 48) del limite entro il quale una start up può essere considerata innovativa, con le conseguenti agevolazioni previste. Inoltre, viene innalzato da 4 a 5 anni il periodo massimo di esonero dal pagamento dei diritti di segreteria per l’iscrizione nel registro delle imprese e dell’imposta di bollo. Aumenta anche il periodo di moratoria relativo al diritto annuale di pagamento per le camere di commercio.

 

Ancora: per sburocratizzare le procedure di costituzione di una start up innovativa, si introduce la possibilità di utilizzare la firma digitale, senza coinvolgere un notaio. Infine, si innalza da 15 a 50.000 euro la soglia per l’applicazione del visto di conformità.

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Facilitata l'erogazione di aiuti alle aziende agricole

del 24/01/2013

Esenzione dal greening dei pagamenti diretti delle aziende di dimensioni inferiori a dieci ettari e...

Polizze agricole assicurative a largo raggio

del 25/01/2013

Via libera al piano assicurativo agricolo 2013. Ad approvarlo, ieri, la Conferenza stato-regioni, ch...

Imprese verdi, ecco pronti fondi per 460 milioni

del 26/01/2013

Diventa operativo un nuovo canale di finanziamento a tasso agevolato a sostegno delle imprese che op...