Consulenza o Preventivo Gratuito

Costo dei figli? Agevolazioni sotto il 10%

del 24/05/2013
di: Beatrice Migliorini
Costo dei figli? Agevolazioni sotto il 10%
Le agevolazioni fiscali per i genitori con figli a carico coprono meno del 10% dei costi sostenuti. Mantenere un figlio costa infatti 8 mila euro l'anno. A fronte di questa spesa, un padre e una madre, con un reddito complessivo di 50 mila euro l'anno, derivante da lavoro dipendente, possono portare in detrazione solo 700 euro, se la coppia ha fino a tre figli. Possono invece arrivare fino a 1.242 euro se i figli a carico sono quattro o più. Questi i risultati dello studio condotto dall'Associazione nazionale famiglie numerose, resi noti ieri. Se il regime delle detrazioni copre l'8% della spesa complessiva necessaria al mantenimento di un figlio, non migliore è la situazione per quel che riguarda gli assegni familiari. Questi infatti, coprono poco più del 4% delle spese. Il loro importo, varia però sia a seconda del numero dei figli a carico dei coniugi, sia a seconda che i genitori rientrino o meno nello stesso stato di famiglia. Una coppia sposata infatti, per il primo figlio riceve 376 euro l'anno, mentre per il secondo ulteriori 312 euro. Per il terzo e il quarto, gli importi arrivano a 919 euro l'anno in più rispetto alle famiglie con due figli, e a 623 euro in più rispetto alle famiglie con tre figli. La disciplina applicata alle coppie sposate, non è però uguale a quella per le coppie in cui genitori non rientrino nello stesso stato di famiglia. Per questi infatti, ogni cifra elencata viene raddoppiata. Allo stesso regime soggiaciono inoltre, le coppie legalmente separate. Nonostante il raddoppio degli importi degli assegni, il totale complessivo, resta comunque al di sotto della soglia degli 8 mila euro necessari per ogni figlio. «Sarà per questo», spiega il presidente dell'Associazione, Giuseppe Butturini, «che il numero delle famiglie al di sotto della soglia di povertà relativa cresce, al crescere del numero dei figli». Secondo l'Istat infatti, nel 2011, erano scese al di sotto della soglia di povertà relativa 15 famiglie su 100, tra quelle che avevano due figli, e 27 su 100 tra quelle che ne avevano tre. Secondo il presidente Butturini quindi «lo stato non riconosce a sufficienza il carico che si assume una coppia mettendo al mondo un figlio, nonostante un figlio sia un investimento lo stesso Stato».

© Riproduzione riservata

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Diritto di maternità per 5 mesi anche per adozione

del 31/01/2013

I lavoratori iscritti alla gestione separata Inps hanno diritto ai cinque mesi di maternità anche in...

Procreazione assistita, manca coerenza. Italia ko

del 12/02/2013

Altolà della Corte europea dei diritti umani alla legge 40/2004 sulla procreazione medicalmente assi...

Dopo la maternità, bonus bebè per le lavoratrici

del 14/02/2013

Via libera al bonus bebè per le mamme lavoratrici. Per facilitare il rientro al lavoro dopo la mater...