Consulenza o Preventivo Gratuito

Il Cud dei pensionati disponibile online o alle poste

del 27/02/2013
di: di Daniele Cirioli
Il Cud dei pensionati disponibile online o alle poste
Da quest'anno il Cud della pensione non arriva più per posta. Ma a un ufficio postale i pensionati possono rivolgersi per farselo stampare pagando una spesa di 3,30 euro. Altrimenti, la certificazione è disponibile sul sito internet dell'Inps o può essere richiesta per Pec o presso un ufficio Inps o un Caf. Soltanto nei casi di «dichiarata impossibilità» sopravvive l'invio postale a domicilio. A fare il quadro delle diverse vie per ottenere il Cud, a eccezione di quello postale, è l'Inps nella circolare n. 32 di ieri.

Stop al Cud via posta. È la legge di Stabilità 2013 a imporre all'Inps di non inviare più per posta il Cud ai pensionati, per ridurre la spesa pubblica (le pensioni attive al 31 dicembre 2012 sono 18.363.760). Di conseguenza, spiega l'Inps, da quest'anno i pensionati entro il 28 febbraio troveranno il Cud disponibile sul sito web dell'Istituto. Da lì il certificato può essere visualizzato e stampato, previo accesso tramite pin. Inoltre, ai pensionati in possesso di indirizzo di posta elettronica certificata noto all'Inps, il Cud è inviato anche tramite pec.

Le vie alternative. Per andare incontro alle esigenze dei pensionati, l'Inps ha poi attivato canali alternativi attraverso cui ottenere il Cud. Prima di tutto presso gli uffici territoriali dell'Inps è a disposizione almeno uno sportello veloce dedicato al rilascio cartaceo. Presso le medesime strutture, inoltre, sono disponibili le postazioni informatiche di selfservice con accesso tramite pin. Ancora, i pensionati in possesso di indirizzo pec non noto all'Inps possono fare richiesta di spedizione del Cud. È inoltre possibile rivolgersi a un Caf, previa richiesta con allegata copia del documento di identità. Invece presso gli uffici postali aderenti a Reti Amiche (5.741 in tutt'Italia) il Cud si ottiene dietro un corrispettivo di euro 2,70 più Iva (circa 3,30 euro) a carico del pensionato. Infine, le ultime due alternative sono riservate a situazioni particolari. La prima riguarda il servizio cosiddetto Sportello mobile che l'Inps ha attivato a favore di alcune categorie particolarmente disagiate, ossia i pensionati ultraottantacinquenni titolari di indennità di accompagnamento e i pensionati residenti all'estero impossibilitati ad acquisire il Cud attraverso canali fisici e telematici. Il servizio è attivabile per telefono (chiamando un ufficio Inps territoriale); i pensionati residenti all'estero devono chiamare i numeri 0659054403-0659053661-0659055702 dalle ore 8 alle ore 19 (italiane). La seconda alternativa è quella che consente di ottenere la tradizionale spedizione domiciliare, via posta del Cud; è riservata esclusivamente nei casi di dichiarata impossibilità di accedere al Cud per le altre vie disponibili.

La delega. Il Cud può essere rilasciato anche a persona diversa dal titolare. In tal caso, la richiesta di rilascio del Cud va presentata direttamente dalla persona delegata, corredata della delega e della fotocopia del documento di riconoscimento del delegante.

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Per metà dei parasubordinati l'assegno è un miraggio

del 29/01/2013

La pensione? Un miraggio per metà dei parasubordinati iscritti alla gestione separata. Lavorano un a...

La bomba dei contributi silenti pronta a esplodere

del 29/01/2013

È sul punto di esplodere la polveriera dei contributi «silenti», versamenti insufficienti per riceve...

Quindicenni, ok alla pensione con i requisiti previsti

del 31/01/2013

Graziate le pensioni quindicenni. Ieri, infatti, il ministero del lavoro ha dato il proprio via libe...