Consulenza o Preventivo Gratuito

Foto dei figli su Facebook: stop alla pubblicazione

del 13/12/2017

Foto dei figli su Facebook: stop alla pubblicazione

Torna di attualità il tema della pubblicazione delle foto dei figli su Facebook dopo una sentenza in merito. Scopriamo la vicenda e la decisione del giudice.

Foto dei figli su Facebook: lo stop del giudice

La vicenda della pubblicazione delle foto di minori sui social network è stata dibattuta di recente nel tribunale di Mantova. Un padre ha chiesto la revisione dell’affido dei figli alla madre, dopo che la donna aveva pubblicato numerose foto dei bambini sul web.

Il padre aveva in precedenza comunicato il proprio disaccordo in merito alla diffusione delle immagini ed è di conseguenza ricorso al giudice per ottenere almeno la loro rimozione.

Il giudice ha dato ragione all’uomo, imponendo alla donna la cancellazione delle immagini dei bimbi e di non pubblicare ulteriori fotografie.

Foto dei figli su Facebook: la tutela dei minori

Nella sentenza del caso citato, il giudice ha affermato che la pubblicazione delle foto dei figli su Facebook è un atto che viola il diritto alla riservatezza dei minori ed inoltre è in contrasto con la tutela dei diritti dei minori stessi.

Pubblicare le foto di bambini sui social infatti espone il materiale ad usi che potrebbero non essere controllati da chi le pubblica, come l’utilizzo a fini pedo-pornografici o comunque alla diffusione non autorizzata.

Nel caso specifico il contrasto derivava dal mancato consenso di entrambe i genitori: da ciò è possibile dedurre che prima della pubblicazione sia necessario il parere favorevole di entrambi gli adulti.

Il caso della pubblicazione di immagini di minori era già stato affrontato anche dal Garante della Privacy, con particolare riferimento alla diffusione di immagini riguardanti gli alunni. In questo caso la diffusione delle immagini costituirebbe una violazione anche se effettuate dagli insegnanti, a meno che non sia esplicita l’autorizzazione da parte di tutti i genitori dei bambini ritratti nelle immagini.

Trattandosi di minori è comunque sempre consigliata la massima prudenza, soprattutto per le difficoltà che la rimozione delle immagini dal web potrebbe comportare.

Ricordiamo a tal proposito il cosiddetto diritto all’oblio da parte dei motori di ricerca, che consente a chiunque di richiedere la rimozione di materiale che lo riguardi direttamente dai risultati dei motori, Google in primis.

Tuttavia questa operazione non si è dimostrata semplice e fattibile in ogni caso; consigliamo quindi di rivolgersi ad un legale qualora si ritenga che i diritti di un minore (ma di una persona in generale) possano essere stati violati dalla diffusione di immagini in rete.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Corrispondenza riservata

del 19/07/2010

Tribunale di Monza - Giudice Monocratico Pastore - 07/10/09 - ART. 616 C.P. Non è rilevante penalm...

Privacy e Google Street View

del 24/09/2010

Per creare il servizio Google Street View la web company ha inviato su tutto il territorio italiano...

La privacy per il recupero dei pc

del 04/11/2010

Recupero e smaltimento di computer e altri Raee ad elevato contenuto di dati personali solo nel risp...