Consulenza o Preventivo Gratuito

Geologo: chi è e cosa fa

del 08/07/2016

Geologo: chi è e cosa fa

Come si diventa geologo e in cosa consiste questa professione? Scopriamolo con l'aiuto della guida che segue.

Professione geologo: definizione e ambito professionale

Secondo la definizione da dizionario, il geologo è un professionista che si occupa di geologia, cioè della scienza che studia la Terra intesa come sistema, in tutti i suoi aspetti. Entrando più nello specifico, il geologo studia i sistemi geologici, al fine di favorire le attività dell'uomo o di conservarli e ripristinarli qualora intervengano modifiche. 

Come già espresso nella definizione quindi, gli ambiti di competenza di un geologo sono molto variegati; l'applicazione della sua professionalità può essere richiesta qualora sia necessario stimare o prevedere gli effetti che gli interventi dell'uomo possono comportare per la Terra, sia per quanto riguarda l'utilizzo delle sue risorse (come ad esempio le fonti energetiche o idriche), sia per quanto riguarda le opere umane, come ad esempio l'impatto conseguente alla realizzazione delle costruzioni, delle infrastrutture o di qualsiasi opera umana. 

Un altro importante ambito di intervento del geologo riguarda tutto ciò che concerne i rischi geologici e ambientali, come per esempio il rischio idrogeologico o sismico, o ancora l'impatto dell'azione dell'uomo per l'aria, l'acqua o il suolo.

Come si diventa geologo: il percorso formativo

Per diventare geologo è necessario seguire un percorso formativo che comprenda, dopo la scuola dell'obbligo, il conseguimento di un titolo di studio superiore. Successivamente è necessario iscriversi alla laurea in scienze geologiche, di durata triennale. A questo punto il futuro geologo può scegliere se proseguire gli studi con una laurea magistrale in scienze geologiche applicate o se continuare il percorso per accede allo svolgimento della professione.

Il solo titolo di studio universitario, sia di base sia magistrale, non è da solo sufficiente all'esercizio della professione. È infatti necessario sostenere e superare l'esame di stato che consente la successiva iscrizione all'albo nazionale dei geologi e la conseguente possibilità di esercitare la professione.

L'iscrizione all'albo è differenziata a seconda del titolo universitario conseguito; coloro che sono in possesso della sola laurea triennale possono infatti iscriversi all'albo nazionale come geologo junior, con l'iscrizione nella sezione B dell'albo nazionale. Solo il superamento della laurea magistrale permette di ottenere il titolo di geologo, con l'iscrizione alla sezione A dell'albo nazionale.

Facoltativa è infine la frequenza di corsi di aggiornamento o di specializzazione specifici, che anche se non obbligatori, consentono di aumentare la professionalità del geologo e del geologo junior.

vota  

COMMENTI

Anna Montalto

20/10/2017 12:55:00

Una precisazione: in realtà il geologo libero professionista, come tutti i professionisti, deve obbligatoriamente adempiere all'Aggiornamento Professionale Continuo (APC). Nel caso dei geologi, si traduce nel raggiungimento di 50 crediti formativi al triennio.

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
"25 Verde": architettura sostenibile a Torino

Arch. Ing. Andrea Butti del 30/05/2012

L’architettura sostenibile è un concetto da cui derivano anche altre definizioni (bioedilizia, bioar...

Nasce la banca terre agricole: cos’è e come funziona

Redazione del 04/04/2017

Con l’aiuto della guida che segue scopriamo cos’è e come funziona la banca terre agricole e perché l...