Consulenza o Preventivo Gratuito

Come aprire una partita IVA per ditta individuale o lavoratore autonomo

del 18/03/2016

Come aprire una partita IVA per ditta individuale o lavoratore autonomo

L’apertura di una Partita IVA è il primo passo per dare il via ad una propria attività da lavoratore autonomo o come ditta individuale. Molteplici sono gli aspetti da considerare per scegliere la prima o la seconda alternativa soprattutto punto di vista fiscale e contributivo. Inoltre bisogna considerare eventuali costi e adempimenti, come ad esempio la necessaria iscrizione al Registro Imprese tenuto dalle Camere di Commercio, obbligatoria per le ditte individuali (artigiani o commercianti) ma non per gli autonomi.

Si fa riferimento a Partite IVA per ditte individuale nei seguenti casi:

·  Artigiani se viene svolta un’attività manuale o professionale in modo artigianale.

·  Commercianti se l’attività viene svolta acquistando merci, poi rivendute (al dettaglio, online, etc.).

I professionisti con partita IVA che svolgono attività autonoma, quindi non soggetta ad iscrizione alle Camere di Commercio, possono invece essere iscritti in un Albo o in un Ordine Professionale, ma anche essere senza Ordine, come i consulenti.

Le differenze a livello previdenziale tra partite IVA individuali come imprenditori o come autonomi riguardano, per i primi, l’iscrizione all’INPS nella Gestione artigiani o commercianti. Per i professionisti iscritti all’Ordine, invece, è obbligatoria l’iscrizione alla cassa previdenziale di riferimento, mentre quelli non iscritti devono iscriversi e versare i contributi alla Gestione separata INPS.

Sul reddito percepito dal lavoratore autonomo, calcolato come differenza tra compensi incassati (quadro E del modello UNICO) e costi deducibili pagati durante l’anno, si paga l’Imposta sui Redditi delle Persone Fisiche (IRPEF). In questo caso vale il principio di cassa, ovvero per la tassazione e le deduzioni conta il momento in cui i ricavi si incassano e i conti si pagano.

Per l’imprenditore individuale, l’IRPEF si calcola sul reddito annuale, calcolato come differenza tra ricavi dell’impresa e costi di competenza, indipendentemente dal momento del pagamento, sia per le fatture che per i costi. Nel modello UNICO i quadri di riferimento per gli imprenditori individuali sono il quadro F se utilizza la contabilità ordinaria, oppure il quadro G se è in contabilità semplificata.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
A Milano il fisco si paga a rate

del 16/07/2010

Secondo i dati della società che dal 2006 si occupa della riscossione delle imposte per conto dello...

I Dottori commercialisti e la nuova tariffa unificata

del 16/07/2010

Ieri il Consiglio di Stato ha dato parere positivo sulla nuova tariffa unificata dei dottori comme...

La firma elettronica per le operazioni notarili

del 20/07/2010

Attraverso la firma elettronica si potranno firmare gli atti delle operazioni notarili per quanto ri...