Consulenza o Preventivo Gratuito

Come aprire un e-commerce

del 24/09/2015

Come aprire un e-commerce

Come si apre un e-commerce e quali sono gli obblighi di legge? È necessario aprire una partita IVA ed in quali casi si può evitare?

Come si apre un e-commerce

Un e-commerce, cioè un negozio online, è un'attività piuttosto semplice da intraprendere. È sufficiente infatti possedere un sito web adeguato e la voglia di iniziare un'attività nel commercio, che a seconda del settore e delle merci trattate potrebbe essere più o meno redditizia. Pur svolgendosi principalmente in internet, l'attività di un e-commerce deve sottostare alle leggi del paese sede dell'attività. 

La scelta del fornitore del sito web è un punto fondamentale; infatti un e-commerce personalizzato potrebbe avere costi elevati, soprattutto nel caso si necessiti di un sito molto dettagliato ed estremamente dettagliato. In caso contrario, è possibile usufruire dei pacchetti che si trovano in internet, con prezzi di solito bassi o inserire il proprio negozio in un sito maggiore (come ad esempio eBay).

L'apertura di un e-commerce non richiede la presenza di un negozio fisico; è sufficiente avere un recapito per gli obblighi di tipo fiscale, che può corrispondere anche all'abitazione. per avviare un e-commerce non sono richieste autorizzazioni, a meno che i prodotti richiedano una speciale licenza o requisiti professionali per essere venduti (come ad esempio i farmaci). Nel caso in cui aprire un e-commerce diventi un'attività professionale svolta con regolarità, è necessario che il commerciante si iscriva al registro delle imprese ed assolva gli obblighi di legge relativi all'emissione delle ricevute fiscali, della fatturazione e dell'iscrizione alla gestione separata dell'INPS. Obbligatoria è inoltre l'apertura di una partita IVA, così come i versamenti di quest'imposta, nelle percentuali previste nello specifico per le merci o i servizi trattati. Nel caso in cui l'e-commerce occupi anche altre persone oltre al titolare, queste dovranno essere regolarmente assunte (anche con contratti occasionali) e retribuite secondo la normativa in vigore.

Aprire un e-commerce senza partita IVA

Aprire un e-commerce senza partita IVA è in linea teorica possibile. Infatti se gli importi percepiti sono inferiori a 5.000 euro all'anno, essi possono essere dichiarati come redditi occasionali. Tuttavia questa possibilità è valida se l'attività è effettivamente svolta solo in maniera occasionale. Diversamente, quando l'attività di e-commerce diventa la prima fonte di reddito o comunque è svolta regolarmente, essa deve essere dichiarata, a prescindere dall'importo annuo guadagnato. Questo punto potrebbe risultare controverso in sede di accertamenti, ma di norma vale la regola che un'attività stabile, come l'apertura di un e-commerce potrebbe far intendere, presuppone il regolare adempimento alle regole generali relative al commercio.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
iPad come strumento di lavoro

del 14/07/2010

Array Networks Inc, società leader per l’utilizzo sicuro delle applicazioni in azienda, ha lanciato...

La firma elettronica per le operazioni notarili

del 20/07/2010

Attraverso la firma elettronica si potranno firmare gli atti delle operazioni notarili per quanto ri...

Gli eBook vincono sul libro con Amazon

del 21/07/2010

La famosa libreria online Amazon questo mese ha venduto più eBook che libri tradizionali detenendo...