Consulenza o Preventivo Gratuito

Salute e pubblica amministrazione: al via la password unica

del 18/09/2015

Salute e pubblica amministrazione: al via la password unica

È stata approvata da pochi giorni in forma definitiva una novità che dovrebbe semplificare l'accesso dei cittadini ai dati che riguardano i rapporti con le diverse forme di amministrazione pubblica. Vediamo di cosa si tratta e quali sono le modalità di accesso.

Verso la password unica

La novità, valida a tutti gli effetti a partire dal settembre, riguarda l'accesso ai servizi telematici di sanità, fisco e pubblica amministrazione in genere. Se infatti fino a pochi giorni fa per accedere ai rispettivi servizi era necessario possedere più codici PIN, con l'introduzione dell'identità digitale unica il cittadino potrà consultare tutti i dati che lo riguardano con un'unica chiave di accesso, più semplice da ottenere rispetto ai procedimenti precedenti, che necessitavano di una richiesta per ogni tipo di servizio.

Cos'è lo SPID?

Il servizio è stato denominato SPID, cioè Sistema Pubblico di Identità Personale, e riguarda sia i cittadini singoli si alle imprese. Coloro che ne faranno richiesta, potranno ottenere una chiave di accesso unica per tutti i servizi della pubblica amministrazione e del fisco, con l'aggiunta dei dati riguardanti la salute (per i cittadini singoli). L'assegnazione dello SPID non avviene in automatico ma su specifica richiesta del cittadino o dell'impresa e sostituisce di fatto anche i precedenti codici di acceso eventualmente già in possesso per i servizi in questione.

La password non viene scelta dal cittadino, ma dovrà rispettare alcuni parametri necessari per garantire la sicurezza e renderne più complessa l'individuazione da parte di estranei, come l'uso di lettere maiuscole e minuscole, l'utilizzo di numeri e di caratteri speciali. La password ha una durata temporale limitata, pari a sei mesi, e dovrà essere necessariamente aggiornata trascorso questo lasso di tempo, pena l'impossibilità di accedere ai servizi stessi.

Sono numerose le possibilità offerte dalla password unica: ad esempio è possibile accedere al pagamento online di tributi e tariffe, ma anche consultare il proprio fascicolo INPS relativo ai contributi pensionistici. Il numero dei servizi accessibili tramite il PIN unico sarà integrato progressivamente, ma secondo quanto comunicato entro il 2017 tutti i servizi della pubblica amministrazione saranno accessibili tramite questa modalità semplificata.

Come già anticipato, lo SPID non verrà inviato in automatico a tutti i cittadini ed alle imprese; per ottenerlo è possibile farne richiesta ad AGID, l'Agenzia per l'Italia digitale. L'agenzia ha al massimo sei mesi di tempo per inviare il PIN all'utente, così come per eventuali comunicazioni in merito all'impossibilità di ottenimento dello stesso.

Il cittadino dal canto suo dovrà invece fornire i dati anagrafici, il codice fiscale ed un indirizzo mail valido, unito al numero di cellulare, mentre la risposta verrà inviata tramite mail o a mezzo postale, a seconda di quanto richiesto.

Le prime richieste potranno quindi essere soddisfatte entro marzo 2016, ma secondo quanto emerso, è possibile che i tempi di invio del PIN siano dimezzati, con le prime risposte inviate a partire dal prossimo dicembre. 

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Corrispondenza riservata

del 19/07/2010

Tribunale di Monza - Giudice Monocratico Pastore - 07/10/09 - ART. 616 C.P. Non è rilevante penalm...

Privacy e Google Street View

del 24/09/2010

Per creare il servizio Google Street View la web company ha inviato su tutto il territorio italiano...

La privacy per il recupero dei pc

del 04/11/2010

Recupero e smaltimento di computer e altri Raee ad elevato contenuto di dati personali solo nel risp...