Consulenza o Preventivo Gratuito

Bond Grecia, condannata una banca

del 26/06/2015

Contatta | Studio Legale Avvocato Fabio Benatti
Via Giardini 45 Modena 41124 Modena (MO)
Bond Grecia, condannata una banca

Recentemente, con riferimento ai bond Grecia, il Tribunale di Prato con sentenza n.700 del 13.06.2015 ha riconosciuto nei confronti della banca il diritto del risparmiatore ad ottenere la restituzione delle somme investite in tali titoli, oltre interessi.

Secondo un principio oramai consolidato in giurisprudenza, peraltro affermato con riferimento ai precedenti crac quali Lehman, Cirio e Argentina, la banca, non essendo una passiva esecutrice degli ordini di acquisto dell’investitore, ha l’obbligo di informarlo in maniera precisa e specifica sulle caratteristiche della singola operazione effettuata, comunicando e spiegando tra l’altro il rating ossia il grado di affidabilità del titolo secondo le agenzie, e la situazione economico-finanziaria dell’emittente.

Circa i titoli greci, peraltro, sin dal 2010 il declassamento del debito pubblico greco era noto agli operatori del settore e fonte di un tale allarme nei mercati finanziari, da indurre il Fondo Monetario Internazionale ad approvare un prestito di salvataggio per la Grecia da 110 miliardi di Euro, subordinato alla realizzazione di rigorose misure di austerità.

Tale prestito, come afferma il Tribunale, nascondeva un parziale e già avvenuto default della Grecia, non più in grado di vendere agli investitori i propri titoli a condizioni di mercato.

E’ notorio, poi, che nell’ottobre 2011 i leader dell’Eurozona decisero di offrire un secondo prestito di salvataggio da 130 miliardi di Euro, condizionato dall’esecuzione di un altro severo pacchetto di austerità e dalla decisione di tutti i creditori privati per una ristrutturazione del debito greco, riducendo il peso del debito previsto da un 198% del Pil nel 2012 a solo 120,5% del Pil entro il 2020.

Pertanto l’investitore in bond Grecia può rivolgersi ad un avvocato al fine di valutare il singolo caso e, una volta individuate le specifiche violazioni della banca alle norme stabilite dal Tuf e Regolamento Consob in particolar modo relative agli obblighi di informazione e di valutazione dell’adeguatezza dell’operazione, procedere, sussistendone i presupposti, allo scopo di ottenere la restituzione delle somme investite.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
A Milano il fisco si paga a rate

del 16/07/2010

Secondo i dati della società che dal 2006 si occupa della riscossione delle imposte per conto dello...

I Dottori commercialisti e la nuova tariffa unificata

del 16/07/2010

Ieri il Consiglio di Stato ha dato parere positivo sulla nuova tariffa unificata dei dottori comme...

Grecia, piano di bailout in preparazione

Fabio Ferrara, commercialista del 09/07/2015

Per la prima volta il Consiglio ha aperto all'ipotesi di un "ragionevole" alleggerimento del debit...