Consulenza o Preventivo Gratuito

Foto su Facebook sotto copyright

del 18/06/2015

Diffondere contenuti e immagini sul social network più popolare non equivale a dire che tutti possano riutilizzarle a piacimento. Non si tratta di una convenzione, ma di un principio affermato in una recente sentenza italiana.

La vicenda

Un ragazzo romano, dopo una serata trascorsa in discoteca, aveva postato sul proprio profilo sociale di Facebook delle foto che ritraevano alcune cubiste del locale. Dopo alcuni giorni il ragazzo ha visto le proprie fotografie su un quotidiano, e riconosciutele, ha deciso di rivolgersi ad un avvocato in quanto il giornale in questione non gli aveva chiesto alcuna autorizzazione per l'utilizzo delle stesse. Dopo il mancato accordo tra le parti, la vicenda è arrivata alla discussione in tribunale, che ha accolto la richiesta di risarcimento del ragazzo (sentenza 12976/2015 Tribunale di Roma).

Le motivazioni della sentenza e l'uso di materiale altrui

La sentenza del tribunale romano ha di fatto riconosciuto il diritto d'autore anche sui materiali resi pubblici tramite i social network, individuando tra l'altro un possibile danno morale e patrimoniale per il ragazzo che aveva scattato le foto in questione. Nel caso specifico il quotidiano dovrà risarcire 600 euro per ogni fotografia pubblicata (2.400 euro totali). Entrando nel dettaglio della questione, il tribunale ha affermato che pubblicare dei contenuti su Facebook non comporta in automatico che essi siano a disposizione di tutti per l'utilizzo, in quanto la proprietà rimane di chi ha creato il contenuto stesso.

Solo Facebook potrebbe utilizzare le immagini e i contenuti, in quanto nell'accettazione del contratto che regola i rapporti tra social network e gli utenti, l'utente dichiara di mettere a disposizione del sito i materiali pubblicati (anche se non a titolo esclusivo).

Se il caso potrebbe essere applicato ad altre vicende simili che hanno come protagonista il social, diversa è invece la questione che riguarda l'utilizzo di altri materiali diffusi sulla rete, che nascondono una complessità per la quale è necessaria un'analisi approfondita di ogni caso specifico.

La sentenza romana ribadisce però un concetto che dovrebbe essere chiaro anche agli utenti dei social network: anche in rete valgono gli stessi principi che regolano la vita nel mondo reale, come ad esempio le leggi che vietano la diffamazione, lo stalking o la diffusione di contenuti che violino le leggi dello stato.

Per qualsiasi reato, anche compiuto tramite i social, è sempre possibile rivolgersi alle forze dell'ordine, che sono tenute ad intervenire anche per i reati compiuti tramite e su Intenet, social network compresi.

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
STUDI COMPETENTI IN MATERIA
SULLO STESSO ARGOMENTO
iPad come strumento di lavoro

del 14/07/2010

Array Networks Inc, società leader per l’utilizzo sicuro delle applicazioni in azienda, ha lanciato...

La firma elettronica per le operazioni notarili

del 20/07/2010

Attraverso la firma elettronica si potranno firmare gli atti delle operazioni notarili per quanto ri...

Gli eBook vincono sul libro con Amazon

del 21/07/2010

La famosa libreria online Amazon questo mese ha venduto più eBook che libri tradizionali detenendo...