Consulenza o Preventivo Gratuito

Shopping online, gli italiani scelgono il web

del 03/09/2013

Shopping online, gli italiani scelgono il web

Nonostante la crisi e le comprensibili diffidenze, gli italiani si stanno rivolgendo sempre più alla Rete per il proprio shopping.  L'e-commerce infatti, secondo la ricerca “Il Futuro del Commercio” realizzata per eBay, dal Politecnico di Milano insieme con il Consorzio NetComm e Human Highway, si sta diffondendo anche nel Bel paese. 

Dallo Studio emerge che a giugno, gli acquirenti italiani on line, sono stati 14 milioni con un incremento del 13,5% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. La spesa media è di 900 euro a persona (cifra che resta comunque sotto la media europea che si aggira intorno ai 1492 euro) per un totale di 11 miliardi di euro.

Si stima anche che, di questi 11 miliardi, uno sia stato speso in siti esteri perché più convenienti o perché ci sono prodotti che in Italia non ci sono. Questo dimostra che la fiducia degli italiani è alta. Sembra dunque che il tabù dell'acquisto online sia ormai stato superato dai nostri connazionali grazie ai prezzi altamente competitivi, alla possibilità di poter comparare in tempo reale i prezzi per scegliere il migliore e più conveniente. Il concetto di venditore di fiducia è stato soppiantato da quello di acquisto telematico.

Nessun prodotto è escluso da questa tendenza, neppure il settore alimentare anche se è il settore tecnologico quello che domina il mercato degli acquisti online. Ciò che emerge dalla ricerca condotta per eBay è soprattutto il cambiamento intervenuto nel modo di fare acquisti, in particolare del processo di scelta. Il web offre, senza dubbio, molti vantaggi anche se resta sempre una difficoltà di fondo negli acquisti su internet che è quello di poter visionare i prodotti solo attraverso le immagini. Potrebbe non essere semplice scegliere quello che si vuole comprare, in particolare, se non si hanno ben chiare le caratteristiche di ciò che si desidera.

Ma dato che il consumatore non è uno sprovveduto, per ovviare a questo ostacolo, in molti si sono organizzati andando a cercare i prodotto nei negozi veri, facendosi magari consigliare dai commessi per poi acquistare sul web a prezzi, spesso, più vantaggiosi. Questa pratica è stata adottata dal 30% dei soggetti intervistati dai ricercatori ma è anche emerso che molti scelgono il percorso inverso per acquistare qualcosa. Il 30,9% degli utenti usa il web per avere pareri e recensioni dei beni da acquistare, il 34,2% visita direttamente il sito del brand o visita i siti specifici (il 19,3%) ma poi va ad acquistare nei negozi tradizionali.

Le ragioni per le quali vi è stato l'aumento delle vendite online sono molteplici: sicuramente la maggiore fiducia nei nuovi metodi di pagamento, più sicuri e tendenti alla tutela dei dati personali. Per l'acquisto di beni tecnologici di largo consumo il metodo più usato è PayPal (più della metà degli intervistati lo utilizza), mentre per l'acquisto dei PC e dei tablet la percentuale cala leggermente fino al 46%.

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
STUDI COMPETENTI IN MATERIA
SULLO STESSO ARGOMENTO
iPad come strumento di lavoro

del 14/07/2010

Array Networks Inc, società leader per l’utilizzo sicuro delle applicazioni in azienda, ha lanciato...

La firma elettronica per le operazioni notarili

del 20/07/2010

Attraverso la firma elettronica si potranno firmare gli atti delle operazioni notarili per quanto ri...

Gli eBook vincono sul libro con Amazon

del 21/07/2010

La famosa libreria online Amazon questo mese ha venduto più eBook che libri tradizionali detenendo...