Consulenza o Preventivo Gratuito

Normativa 2013 per professionisti ed imprese

del 04/02/2013

Normativa 2013 per professionisti ed imprese

L’anno appena iniziato ha portato in dote, a tutti i titolari di partita IVA, un nutrito numero di modifiche ad una normativa già di per sé non lineare. Innanzitutto vanno evidenziate le novità in materia di fatturazione di cui: l’obbligo di riportare in fattura il numero di partita IVA o il codice fiscale del cessionario o committente, l’obbligo di numerazione della fattura in modo univoco e progressivo. A parte l’iniziale confusione generata dalla norma, nulla è cambiato rispetto a prima, con la sola eccezione che ora è possibile adottare una numerazione progressiva ininterrotta per tutti gli anni di attività del contribuente.

Ancora, si è cercato di dare impulso alla  “fattura elettronica” (è considerata tale anche il pdf della fattura allegata alla e-mail del cedente) ed è stata introdotta la fattura semplificata che permette, in determinate circostanze, di ridurre gli obblighi del contribuente circa i contenuti da riportare nel documento fiscale. Ulteriore semplificazione è garantita dall’entrata a regime dell’ “IVA per cassa” che, seppur introdotta dal 1° dicembre dello scorso anno, in realtà dispiegherà appieno i suoi effetti nel 2013. In soldoni si tratta della possibilità, concessa a tutti i contribuenti con volume d’affari inferiore ai 2 milioni di euro, di versare l’IVA su cessioni e prestazioni effettuate soltanto in seguito all’incasso da parte dei propri clienti (privati esclusi) e non prima. Di contro, tuttavia, l’IVA pagata sugli acquisti potrà essere portata in detrazione unicamente dopo aver pagato il fornitore del bene o del servizio. Fin qui le note positive.

L’altra faccia della medaglia è l’aumento dell’IVA dal 21% al 22% che scatterà a partire dal 1° luglio e che riguarderà la maggior parte dei beni di consumo, mentre sono state preservate le aliquote più basse del 10% e del 4% che resteranno invariate. Merita il secondo gradino del podio per le novità spiacevoli la stretta sulle auto aziendali e dei professionisti: dal 1° gennaio scorso i costi di gestione delle autovetture, ed i relativi ammortamenti (questi su un tetto massimo di euro 18.076), si deducono solo per il 20% della spesa sostenuta, con un secco dimezzamento della percentuale di deduzione (40%) valida fino al 31 dicembre 2012.

La scure del fisco non si è abbattuta su agenti e rappresentanti di commercio (e figure assimilate), per i quali le deduzioni restano immutate (80% dei costi sostenuti).

Sul gradino più basso del podio si colloca il giro di vite sulle cd. false partite IVA introdotto dalla Riforma Fornero. Questa nuova limitazione consiste nella trasformazione in rapporto di lavoro a progetto o subordinato delle consulenze aziendali prestate ad un’impresa da un lavoratore autonomo nelle ipotesi (almeno due su tre) che dette consulenze durino per un periodo superiore agli 8 mesi nel corso di un anno, garantiscano un compenso con unico committente superiore all’80% del reddito complessivo del lavoratore autonomo e questi disponga di una postazione fissa di lavoro presso la sede del committente.

A far da contraltare a questi vincoli abbiamo la sterilizzazione delle aliquote contributive per i professionisti senza cassa iscritti alla gestione separata INPS, per i quali l’onere contributivo 2013 resta inalterato rispetto all’annualità precedente, mentre riprenderà la sua inesorabile corsa al rialzo dal 2014 e l’introduzione di un nuovo sussidio alla disoccupazione denominato ASPI (Assicurazione sociale per l’impiego) che potrà essere utilizzato anche da quei lavoratori che, perso il posto come dipendenti, decidano di iniziare un’attività autonoma (pur se con un limite di reddito di 4.800 euro l’anno).

Da ultimo ricordiamo che anche per il 2013, a determinate condizioni, professionisti e piccoli imprenditori individuali potranno accedere al cd. “regime dei minimi” che garantisce notevoli risparmi in termini di fiscalità ed adempimenti burocratici.

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Accordi strategici: il consorzio tra imprese

del 08/07/2010

Il consorzio può trarre origine da un accordo tra i consorziati (c.d. consorzio contrattuale) o att...

A Milano il fisco si paga a rate

del 16/07/2010

Secondo i dati della società che dal 2006 si occupa della riscossione delle imposte per conto dello...

I Dottori commercialisti e la nuova tariffa unificata

del 16/07/2010

Ieri il Consiglio di Stato ha dato parere positivo sulla nuova tariffa unificata dei dottori comme...