Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Emilia-Romagna: Programma operativo regionale 2007-2013 - Fondo FSE

del 27/05/2011
CHE COS'È?

Emilia-Romagna Programma operativo regionale 2007-2013 - Fondo FSE: definizione

La strategia dell’Emilia-Romagna per la programmazione 2007-2013 assume come centrali le indicazioni comunitarie in materia di crescita, occupazione e coesione sociale che vede la nuova strategia di Lisbona come riferimento strategico. 
L’insieme della politiche regionali, di cui il FSE rappresenta uno degli strumenti di attuazione, vengono quindi indirizzate al conseguimento degli obiettivi di Lisbona al fine di garantire la crescita e lo sviluppo del nostro sistema economico e sociale. 
La dotazione finanziaria a disposizione ammonta a 806.490.114 euro

Finalità generali ed obiettivi 

L’obiettivo generale è quello di sostenere la crescita economica e sociale e il suo impatto occupazionale, coniugando la qualità dell’occupazione e la valorizzazione delle risorse umane con la qualità dello sviluppo economico e la coesione sociale, attraverso investimenti sul sapere e sulla qualificazione del lavoro che diano fondamento e prospettiva all’obiettivo della società della conoscenza, e a quello di pari opportunità di accesso e permanenza nel sistema regionale dell’istruzione, della formazione e del lavoro. 
L’obiettivo generale della strategia regionale è declinato in due ambiti che hanno costituito la base di riferimento per elaborare le priorità degli Assi della programmazione 2007/2013: 
  • qualificare l’obiettivo della società della conoscenza; 
  • promuovere ed accrescere la qualità delle condizioni e delle prestazioni di lavoro. 
La competitività e l’innovazione saranno perseguite puntando sul supporto all’adattabilità e allo sviluppo delle imprese, sulla riqualificazione e riorganizzazione dell’offerta di istruzione e formazione verso le aree a maggior vocazione tecnologica e tecnica, obiettivo che dovrà coinvolgere tutta la filiera formativa su cui si situano i diversi livelli di competenza, e sulla creazione di reti tra i sistemi dell’istruzione, della formazione, della ricerca, dell’università e il mondo produttivo. 

Assi prioritari 

Le strategie enunciate, sono declinate all’interno di cinque Assi di intervento; a queste si aggiunge un Asse dedicato alle azioni di supporto all’attuazione del programma in termini di valutazione, monitoraggio, assistenza tecnica, informazione e pubblicità. 
Nel dettaglio: 

Asse I: Adattabilità 
le priorità che la Regione Emilia-Romagna intende attuare nell’ambito di questo Asse si inquadrano nei seguenti obiettivi specifici:
  1. Sviluppare sistemi di formazione continua e sostenere l’adattabilità dei lavoratori; 
  2. Favorire l’innovazione e la produttività attraverso una migliore organizzazione e qualità del lavoro; 
  3. Sviluppare politiche e servizi per l’anticipazione e gestione dei cambiamenti, promuovere la competitività e l’imprenditorialità.
Asse II: Occupabilità
le priorità che la Regione Emilia-Romagna intende attuare nell’ambito di questo Asse si inquadrano nei seguenti obiettivi specifici: 
  1. Aumentare l’efficienza, l’efficacia, la qualità e l’inclusività delle istituzione del mercato del lavoro; 
  2. Attuare politiche per il lavoro attive e preventive, con particolare attenzione all’integrazione dei migranti nel mercato del lavoro, all’invecchiamento attivo, al lavoro autonomo e all’avvio di imprese; 
  3. Migliorare l’accesso delle donne all’occupazione e ridurre le disparità di genere. 
Asse III: Inclusione sociale
le priorità che la Regione Emilia-Romagna intende attuare nell’ambito di questo Asse si inquadrano nel seguente obiettivo specifico: 
  1. Sviluppare percorsi d’integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati per combattere ogni forma di discriminazione nel mercato del lavoro. 
Asse IV: Capitale umano
le priorità che la Regione Emilia-Romagna intende attuare nell’ambito di questo Asse si inquadrano nei seguenti obiettivi specifici: 
  1. Elaborazione e introduzione delle riforme dei sistemi di istruzione, formazione e lavoro per migliorarne l’integrazione e sviluppare l’occupabilità, con particolare attenzione all’orientamento; 
  2. Aumentare la partecipazione alle opportunità formative lungo tutto l’arco della vita e innalzare i livelli di apprendimento e conoscenza; 
  3. Creazione di reti tra università, centri tecnologici di ricerca, mondo produttivo e istituzionale con particolare attenzione alla promozione della ricerca e dell’innovazione. 
Asse V: Transnazionalità e interregionalità
le priorità che la Regione Emilia-Romagna intende attuare nell’ambito di questo Asse si inquadrano nel seguente obiettivo specifico: 
  1. Promuovere la realizzazione e lo sviluppo di iniziative e di reti su base interregionale e transnazionale, con particolare attenzione allo scambio di buone pratiche. 
Asse VI: Assistenza tecnica
l’Asse Assistenza tecnica, quindi, si pone il seguente obiettivo specifico: 
  1. Migliorare l’efficacia e l’efficienza dei Programmi Operativi attraverso azioni e strumenti di supporto. 
Ripartizione finanziaria per asse prioritario (in euro) 

I – Adattabilità 
Contributo UE 60.665.488 
Contributo nazionale pubblico 104.664.986 

II - Occupazione 
Contributo UE 138.494.870 
Contributo nazionale pubblico 238.942.503

III - Inclusione sociale 
Contributo UE 35.511.505 
Contributo nazionale pubblico 61.267.309 

IV - Capitale Umano 
Contributo UE 44.389.382 
Contributo nazionale pubblico 76.584.135 

V - Transnaz. e Interreg. 
Contributo UE 5.918.584 
Contributo nazionale pubblico 10.211.218

VI - Assistenza tecnica 
Contributo UE 10.949.381 
Contributo nazionale pubblico 18.890.753

Fasi.biz

COME SI FA
La Regione emana a, valere sulle suddette risorse stanziate, appositi bandi per procedere alla loro assegnazione. 
Le azioni individuate dalla strategia saranno realizzate rispettando le seguenti specificità: coerenza e concentrazione delle risorse, innovazione, sperimentazione azioni transnazionali e interregionali, parti sociali.
Nel rispetto del principio della separazione delle funzioni di cui all’art. 58, lettera b), del Regolamento (CE) del Consiglio N. 1083/2006104, al fine di garantire l’efficace e corretta attuazione del Programma Operativo e il corretto funzionamento del sistema di gestione e controllo, sono individuate tre Autorità: 
  • Autorità di Gestione: è responsabile della gestione e attuazione del Programma Operativo conformemente al principio di buona e sana gestione amministrativa e finanziaria. 
  • Autorità di Certificazione: è responsabile della certificazione corretta delle spese erogate a valere sui fondi comunitari/statali per l’attuazione del programma operativo. 
  • Autorità di Audit: è responsabile della verifica dell’efficace funzionamento del sistema di gestione e di controllo.

CHI
Gli obiettivi e le finalità del Programma riguardano l’intero sistema economico locale.

vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

PROGRAMMAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA 2007/2013: VOCI CORRELATE

Sicilia: LR n. 23-2008 - Disposizioni per lo sviluppo del settore industriale (P.O. FESR 2007-2013)

di del 27/05/2011

Pubblicata a dicembre sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana la Legge 16 dicembre 2008, n...

Piemonte: regime di aiuti per progetti di ricerca, sviluppo e investimenti a finalità regionale

di del 16/02/2011

Per favorire lo sviluppo economico territoriale la Regione Piemonte, ai sensi delle leggi regionali ..

Puglia: Programma operativo regionale 2007-2013 - Fondo FSE

di del 27/05/2011

La strategia della Puglia per la programmazione 2007/2013 relativa al FSE assume come centrali le in..

Basilicata: sviluppo e competitività del sistema produttivo lucano - L.R. n. 1/2009

di del 16/02/2011

La Legge regionale n. 1/2009 disciplina gli interventi regionali per lo sviluppo e la competitività ..

Umbria: Programma operativo regionale - POR 2007-2013 - Fondo FSE

di del 16/02/2011

La strategia dell'Umbria per la programmazione 2007-2013 si sviluppa in coerenza con gli obiettivi d..