Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Abruzzo: Piano operativo regionale 2007-2013 - Fondo FSE

del 16/02/2011
CHE COS'È?

Abruzzo Piano operativo regionale 2007-2013 - Fondo FSE: definizione

Il Programma operativo regionale per l'Abruzzo per il periodo 2007-2013 rientra nell'ambito dell'Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione, con una dotazione totale di circa 316 milioni di euro. Il contributo comunitario tramite il Fondo sociale europeo  (FSE) ammonta a oltre 127 milioni di euro, pari al 40% totale contributo elegibile, mentre il restante 60% è coperto dalle risorse nazionali.

La strategia del P.O. Abruzzo è volta a contrastare i fattori di debolezza e a rimuovere gli ostacoli che caratterizzano il contesto regionale nell’intento di favorire la realizzazione di un mercato del lavoro efficace ed inclusivo, il miglioramento del capitale umano e, per questa via, valorizzare le potenzialità di sviluppo del territorio e la coesione economica e sociale.

Questi orientamenti strategici definiscono la seguente articolazione per Assi prioritari di intervento:

Asse 1-Adattabilità

L’asse mira ad accrescere l'adattabilità dei lavoratori, delle imprese e degli imprenditori al fine di migliorare l'anticipazione e la gestione positiva dei cambiamenti economici.

Le finalità dell’Asse di intervento saranno perseguite attraverso tre obiettivi specifici:

  • Sviluppare sistemi di formazione continua e sostenere l’adattabilità dei lavoratori.
  • Favorire l’innovazione e la produttività attraverso una migliore organizzazione e qualità del lavoro.
  • Sviluppare politiche e servizi per l’anticipazione e gestione dei cambiamenti, promuovere la competitività e l’imprenditorialità.

L’Asse Adattabilità privilegerà le seguenti priorità d’azione:

  1. Potenziare l’investimento sulle risorse umane e sul management, in particolare nelle PMI.
  2. Promuovere strumenti e servizi che accrescano la propensione delle PMI all'innovazione tecnologica e organizzativa.
  3. Rafforzare e ampliare le opportunità di riqualificazione dei target lavorativi più fragili (lavoratori anziani, con bassa qualifica, donne, atipici, etc.).
  4. Promuovere interventi volti alla salvaguardia dei livelli occupazionali, in particolare nelle aziende e nei settori minacciati da crisi.
  5. Promuovere e sostenere la creazione di nuove imprese, anche in funzione di strumenti di diffusione dell'innovazione.

Asse 2-Occupabilità

L’Asse è rivolto ad accrescere la partecipazione al mercato del lavoro favorendo l’accesso e l’inserimento dei soggetti in cerca di lavoro e inattivi, prevenendo la disoccupazione, in particolare giovanile e di lunga durata, e incoraggiando il prolungamento della vita lavorativa e l’invecchiamento attivo.

Le finalità dell’Asse di intervento saranno perseguite attraverso tre obiettivi specifici:

  • Aumentare l’efficienza, l’efficacia, la qualità e l’inclusività delle istituzioni del mercato del lavoro.
  • Attuare politiche del lavoro attive e preventive, con particolare attenzione all’integrazione dei migranti nel mercato del lavoro, all’invecchiamento attivo, al lavoro autonomo e all’avvio di imprese.
  • Migliorare l’accesso delle donne all’occupabilità e ridurre le disparità di genere.

L’Asse Occupabilità privilegerà le seguenti priorità d’azione:

  1. Modernizzare e potenziare i Servizi per I’Impiego, il S.I.L. e il nodo regionale di Borsa Continua Nazionale del Lavoro.
  2. Promuovere misure preventive e personalizzate di contrasto alla disoccupazione dei lavoratori over 45 espulsi dal mercato del Lavoro e dei lavoratori interessati da crisi aziendali e settoriali.
  3. Promuovere interventi rivolti a persone ed imprese per stabilizzare le occupazioni precarie e favorire l’emersione del lavoro irregolare.
  4. Promuovere l’occupazione femminile attraverso strumenti e servizi per la conciliazione.
  5. Promuovere e sostenere l’autoimprenditorialità individuale e collettiva con particolare riferimento a quella femminile.

Asse 3-Inclusione sociale

L’asse mira a potenziare l’integrazione sociale dei soggetti in condizioni di disagio e di emarginazione, anche attraverso il contrasto alla povertà e ad ogni forma di discriminazione.

Le finalità dell’Asse di intervento saranno perseguite attraverso l’obiettivo specifico:

  • Sviluppare percorsi d’integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati per combattere ogni forma di discriminazione nel mercato del lavoro.

L’Asse Integrazione sociale privilegerà le seguenti priorità d’azione:

  1. Promuovere percorsi integrati e personalizzati volti a migliorare le condizioni di occupabilità dei soggetti minacciati da potenziali fattori di emarginazione, incluso l’insorgere di nuove forme di povertà.
  2. Favorire l’occupazione/occupabilità e la partecipazione alle attività formative da parte dei soggetti diversamente abili e delle altre categorie di svantaggio sociale, anche contrastando la dispersione scolastico-formativa che interessa tali soggetti.

Asse 4-Capitale Umano

L’asse si propone di contribuire al rafforzamento e all’integrazione dei sistemi di Istruzione e Formazione, favorendo il raccordo tra essi, il sistema delle Imprese, il sistema del Lavoro e quello della Ricerca. Esso, inoltre, persegue l’accrescimento delle competenze delle risorse umane (sviluppando in particolare quelle tecnicoscientifiche), al fine di innalzare la competitività delle PMI abruzzesi sui mercati globali, utilizzando al meglio gli strumenti della conoscenza e dell’innovazione tecnologica ed organizzativa.

Le finalità dell’Asse di intervento saranno perseguite attraverso tre obiettivi specifici:

  • Elaborazione e introduzione delle riforme del sistema di istruzione, formazione e lavoro per migliorarne l’integrazione e sviluppare l’occupabilità, con particolare attenzione all’orientamento.
  • Aumentare la partecipazione alle opportunità formative lungo tutto l’arco della vita e innalzare i livelli di apprendimento e conoscenza.
  • Creazione di reti tra università, centri tecnologici di ricerca, mondo produttivo e istituzionale con particolare attenzione alla promozione della ricerca e dell’innovazione.

L’Asse Capitale Umano privilegerà le seguenti priorità d’azione:

  1. Accrescere la qualità dell’offerta rafforzando il collegamento dei sistemi di istruzione, formazione e lavoro con il territorio (Servizi per l’Impiego, Istituzioni locali, sistema della Ricerca, mondo delle Imprese, etc).
  2. Promuovere, nell’ottica del miglioramento dell’offerta complessiva del sistema di formazione permanente, interventi rivolti a soggetti in età compresa tra i 18 e i 64 anni e diretti al recupero/mantenimento delle competenze chiave ed al rafforzamento delle qualifiche possedute.
  3. Promuovere reti e partenariati finalizzati ad un’offerta di formazione tecnico-superiore strettamente connessa alle politiche di sviluppo del territorio ed ai fabbisogni delle imprese.
  4. Promuovere reti e partenariati tra Università, Centri di Ricerca ed Imprese per favorire il trasferimento alle PMI delle conoscenze necessarie ad accedere al mercato dell’innovazione.
  5. Promuovere network per la qualità dell’apprendimento tra Imprese leader a livello tecnologico, Università, Centri di Ricerca, Organismi di Formazione accreditati, finalizzati all’Alta Formazione Interdisciplinare.
  6. Promuovere, anche mediante l’Orientamento, la cultura tecnico–scientifica al fine di rafforzare percorsi di diffusione di conoscenze e abilità imprescindibili per un qualificato inserimento lavorativo dei singoli e per sviluppare la competitività conseguente ad una migliore predisposizione delle risorse umane alla innovazione tecnologica.

Asse 5-Interregionalità e trans nazionalità

L’Asse è diretto alla promuovere dimensione transnazionale e interregionale nella valorizzazione del capitale umano.

Le finalità dell’Asse di intervento saranno perseguite attraverso l’obiettivo specifico:

  • Promuovere la realizzazione e lo sviluppo di iniziative e di reti su base interregionale e trasnazionale, con particolare attenzione allo scambio delle buone pratiche.

L’Asse Interregionalità e Transnazionalità privilegerà le seguenti priorità d’azione:

  1. Promuovere Intese e Accordi con Stati e Regioni finalizzati alla realizzazione di progetti comuni volti a rafforzare la dimensione europea dei sistemi di istruzione, formazione, ricerca, e alla messa a punto di politiche di inclusione sociale e di politiche attive del lavoro che favoriscano un governo transnazionale/interregionale della mobilità dei lavoratori e l’accrescimento delle loro competenze.

Asse 6-Assistenza Tecnica

L’asse è finalizzato a sostenere l’esecuzione del Programma Operativo al fine di garantire la corretta gestione delle risorse finanziarie in termini di efficacia ed efficienza.

Obiettivo specifico dell’Asse di intervento è il seguente:

  • Migliorare l’efficacia e l’efficienza dei Programmi Operativi attraverso azioni e strumenti di supporto.

L’Asse Assistenza tecnica privilegerà le seguenti priorità d’azione:

  1. Sostenere l’esecuzione del POR nelle sue principali fasi di preparazione, gestione, sorveglianza e controllo.
  2. Rafforzare la capacità amministrativa connessa all’attuazione delle politiche finanziate dal POR, anche attraverso il sostegno alla circolazione di pratiche e modelli per migliorare l’efficacia e l’efficienza della gestione.
  3. Realizzare Valutazioni strategiche e/o operative.
  4. Porre in essere azioni rivolte ad attribuire ampia visibilità al programma con adeguati interventi di informazione e comunicazione.

Ripartizione finanziaria per asse prioritario (in euro):

I – Adattabilità

                Contributo UE 25.543.918

                Contributo nazionale pubblico 37.768.726

II – Occupabilità

                Contributo UE 51.087.836

                Contributo nazionale pubblico 75.537.452

III - Inclusione sociale

                Contributo UE 16.603.547

                Contributo nazionale pubblico 24.549.672

IV - Capitale Umano

                Contributo UE 22.989.526

                Contributo nazionale pubblico 33.991.854

V – Transnaz. e interreg.

                Contributo UE 6.385.980

                Contributo nazionale pubblico 9.442.182

VI - Assistenza tecnica

                Contributo UE 5 .108.784

                Contributo nazionale pubblico 7.553.745

Fasi.biz


COME SI FA

La Regione emana a, valere sulle suddette risorse stanziate, appositi bandi per procedere alla loro assegnazione.

Le azioni individuate dalla strategia saranno realizzate rispettando le seguenti specificità: coerenza e concentrazione delle risorse, innovazione, sperimentazione azioni transnazionali e interregionali, parti sociali.

Nel rispetto del principio della separazione delle funzioni di cui all’art. 58, lettera b), del Regolamento (CE) del Consiglio N. 1083/2006104, al fine di garantire l’efficace e corretta attuazione del Programma Operativo e il corretto funzionamento del sistema di gestione e controllo, sono individuate tre Autorità:

  • Autorità di Gestione: è responsabile della gestione e attuazione del Programma Operativo conformemente al principio di buona e sana gestione amministrativa e finanziaria.
  • Autorità di Certificazione: è responsabile della certificazione corretta delle spese erogate a valere sui fondi comunitari/statali per l’attuazione del programma operativo.
  • Autorità di Audit: è responsabile della verifica dell’efficace funzionamento del sistema di gestione e di controllo.

 


CHI

Gli obiettivi e le finalità del Programma riguardano l’intero sistema economico locale.


vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

PROGRAMMAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA 2007/2013: VOCI CORRELATE

Emilia-Romagna: Programma operativo regionale 2007-2013 - Fondo FSE

di del 27/05/2011

La strategia dell’Emilia-Romagna per la programmazione 2007-2013 assume come centrali le indicazioni..

Friuli-Venezia Giulia: Programma Operativo Regionale 2007 - 2013 Fondo FSE

di del 15/02/2011

Il Programma Operativo intende favorire il raggiungimento degli obiettivi occupazionali fissati dall..

Marche: Programma Operativo Regionale - POR 2007-2013 - Fondo FSE

di del 16/02/2011

La strategia di intervento del Programma Operativo Regionale FSE 2007- 2013 è stata definita da una ..

Sicilia: LR n. 23-2008 - Disposizioni per lo sviluppo del settore industriale (P.O. FESR 2007-2013)

di del 27/05/2011

Pubblicata a dicembre sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana la Legge 16 dicembre 2008, n...

Il VII Programma Quadro UE per la Ricerca e lo Sviluppo Tecnologico

di del 16/02/2011

E' il più importante strumento finanziario dell'Unione Europea per sostenere la ricerca e lo svilupp..