Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Progettazione senza barriere architettoniche

del 07/09/2011
CHE COS'È?

Progettazione senza barriere architettoniche: definizione

Progettare un ambiente accessibile a chiunque significa prevedere quali debbano essere gli accorgimenti per riadeguare, ristrutturare o comunque costruire gli spazi vissuti dall’essere umano, in modo da garantire un’adeguata qualità di vita a tutti, rendendo questi spazi accessibili anche alle persone disabili.
Per barriere architettoniche si intendono:
  • gli ostacoli fisici che sono fonte di disagio per la mobilità di chiunque e in particolare per coloro che, per qualsiasi causa, hanno una capacità motoria ridotta o impedita in forma permanente o temporanea;
  • gli ostacoli che limitano o impediscono a chiunque la comoda e sicura utilizzazione di parti, attrezzature e componenti;
  • la mancanza di accorgimenti e segnalazioni che permettono l’orientamento e la riconoscibilità dei luoghi e delle fonti di pericolo per chiunque e in particolare per i non vedenti, per gli ipovedenti e per i sordi.
Poiché il progetto architettonico deve avere come fine la verifica delle necessità di vita umana, tenendo sempre presenti i principi dell’ergonomia, per rispondere al fondamentale bisogno e diritto dell’uomo a vivere ogni tipo di spazio, in ogni caso un progettista dovrebbe prevedere ogni ambiente affinché sia utilizzabile da chiunque.
Poiché nella realtà i progettisti in genere si sono dimostrati carenti in questo settore, lo Stato e le regioni hanno legiferato in merito, imponendo una serie di dettami per superare le barriere architettoniche.
Le norme vigenti prevedono il superamento delle barriere architettoniche in ogni ambiente, sia interno ad un edificio, sia esterno ad esso, sia in spazi pubblici che privati, su strade, in parchi e sui mezzi di trasporto pubblici.
Lo Stato italiano ha legiferato in materia fin dall’anno 1959, concludendo la sua attività con l’ultima legge emanata n. 13 del 09.01.1989. Ogni regione inoltre ha provveduto negli anni ad emanare proprie leggi per regolamentare la materia anche con modalità più restrittive.
Ogni progettista di opere edili, architetto, ingegnere, geometra, perito edile, può progettare il superamento delle barriere architettoniche anche senza una specifica abilitazione, purché rispetti le normative sopra descritte. Inoltre il progettista deve allegare al progetto prodotto per l’approvazione dall’Ente Pubblico di competenza una dichiarazione di conformità degli elaborati alle disposizioni adottate ai sensi della legge n. 13 del 09.01.1989.

Arch. Fulvio Emilio Aliprandi
Ordine degli Architetti Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della provincia di Monza e Brianza
Studio Fulvio Aliprandi

COME SI FA
La progettazione del superamento delle barriere architettoniche è prevista con tre livelli individuati come:
Per gli edifici privati il progetto deve prevedere:
  1. accorgimenti tecnici idonei all'installazione di meccanismi per l’accesso ai piani superiori, ivi compresi i servoscala;
  2. idonei accessi alle parti comuni degli edifici e alle singole unità immobiliari;
  3. almeno un accesso al piano, rampe prive di gradini o idonei mezzi di sollevamento;
  4. l’installazione, nel caso di immobili con più di tre livelli fuori terra, di un ascensore per ogni scala principale raggiungibile mediante rampe prive di gradini.
E’ importante segnalare che, nel caso di recupero dei sottotetti esistenti ai fini abitativi, non si applica il punto 4 in quanto le norme vigenti prevedono di rispettare esclusivamente i requisiti di visitabilità e adattabilità.
Una persona portatrice di handicap, residente in un edificio condominiale, può installare a proprie spese un servoscala, nonché strutture mobili e facilmente rimovibili e può anche modificare l’ampiezza delle porte di accesso, al fine di rendere più agevole l’accesso all’edificio, agli ascensori e alle rampe dei garages.
La legge prevede facilitazioni per le opere finalizzate al superamento delle barriere architettoniche in quanto le stesse possono essere realizzate in deroga alle norme sulle distanze previste dai regolamenti edilizi, anche per i cortili e le chiostrine interni ai fabbricati o comuni o di uso comune a più fabbricati.

vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

BARRIERE ARCHITETTONICHE: VOCI CORRELATE

Relazione/dichiarazione di conformità barriere architettoniche

di del 27/04/2016

La relazione o dichiarazione di conformità per le barriere architettoniche è un documento necessario..

Visitabilità fabbricati

di Arch. Fulvio Emilio Aliprandi del 07/09/2011

Per visitabilità di un alloggio si intende la sua condizione di permettere a persone di ridotta capa..

Adattabilità fabbricati

di Arch. Walter Caglio del 13/04/2011

Per Adattabilità Fabbricati si intende la possibilità di modificare nel tempo lo spazio costruito a ..

Barriere architettoniche

di Arch. Walter Caglio del 13/04/2011

Per Barriere Architettoniche si intendono: gli ostacoli fisici che sono fonte di disagio per la mobi..

Accessibilità fabbricati

di Arch. Walter Caglio del 13/04/2011

Per Accessibilità si intende la possibilità, anche per persone con ridotta o impedita capacità motor..