Consulenza o Preventivo Gratuito

Nucleare, passo avanti. Il 17 marzo festa nazionale

del 29/01/2011
di: La Redazione
Nucleare, passo avanti. Il 17 marzo festa nazionale
Un altro passo avanti per il nucleare in Italia. Il Consiglio dei ministri ha infatti dato ieri via libera al direttivo dell'Agenzia sul nucleare. È stato nominato presidente Umberto Veronesi e componenti Maurizio Cumo e Marco Enrico Ricotti (designati dal ministro dello sviluppo economico) e Stefano Dambruoso e Stefano Laporta, designati dal ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare In questo modo, dopo il vaglio delle camere, il progetto «entra nella fase operativa», hanno spiegato i ministri dello Sviluppo Economico, Paolo Romani e dell'ambiente, Stefania Prestigiacomo. «Nei prossimi giorni, insieme al presidente Veronesi», proseguono i due ministri, «riuniremo per la prima volta il direttivo per concordare i prossimi passaggi, a partire dalla costituzione della struttura operativa e dall'individuazione della sede. Il governo procede dunque con determinazione per applicare il programma per il ritorno al nucleare, un ritorno che, anche grazie al ruolo svolto dall'Agenzia, avverrà nel segno della sicurezza e della tutela dell'ambiente».

Festa dei 150 anni. Il prossimo 17 marzo, giorno dell'anniversario dei 150 anni dell'Unità d'Italia, sarà festa nazionale con scuole e uffici chiusi. Lo ha deciso l'esecutivo sottolineando che poiché tale qualificazione comporta l'implicita ed eccezionale inclusione della ricorrenza fra quelle ordinariamente festive, va ritenuto obbligatorio di conseguenza (e solo per quest'anno) estendere a tale giornata le regole in materia di orario festivo, limitazioni su determinati atti giuridici, disciplina che regola l'imbandieramento degli edifici, il trattamento economico da corrispondere ai lavoratori dipendenti e le sanzioni amministrative pecuniarie in caso di inosservanza.

Venezia. Il ministro per la pubblica amministrazione e l'innovazione, Renato Brunetta, ha illustrato un disegno di legge speciale per Venezia e la sua Laguna, un provvedimento, il cui esame era stato iniziato nel dicembre scorso, che dopo oltre venticinque anni dall'ultima legge speciale rivede le strategie a supporto della Città a fini di salvaguardia fisico-ambientale, rivitalizzazione e recupero socio-economico, manutenzione urbana e sviluppo dell'innovazione. Prima dell'esame parlamentare il disegno di legge verrà trasmesso alla Conferenza unificata.

Nuove prefetture. Su proposta del ministro dell'interno, Roberto Maroni è stato approvato un regolamento, che definisce le modalità di istituzione della Prefettura - Ufficio territoriale del Governo - nelle province di Monza e Brianza, di Fermo e di Barletta-Andria-Trani (si veda ItaliaOggi del 26/1/2011). Su tale atto sono stati acquisiti i pareri delle Commissioni parlamentari e del Consiglio di Stato.

Traffico navale. Disco verde al decreto legislativo che recepisce la direttiva 2009/17, per un sistema comunitario di monitoraggio del traffico navale e di informazione.

Leggi regionali impugnate. Quanto all'esame delle leggi regionali, su proposta del ministro per i rapporti con le regioni e per la coesione territoriale, Raffaele Fitto e su conforme parere del ministro Prestigiacomo il Consiglio ha impugnato la legge della Regione Liguria n. 21/2010, che detta norme urgenti in materia di aree contigue dei parchi naturali regionali. La legge regionale, informa una nota, contiene infatti disposizioni non conformi alla legge 6 dicembre 1991, n.394, che detta norme quadro in materia di aree protette e individua standard minimi ed uniformi di tutela ambientale validi sull'intero territorio nazionale. Si evidenzia quindi un contrasto con l'art. 117, comma 2, lettera s) della Costituzione, ai sensi del quale lo stato ha competenza legislativa esclusiva in materia di tutela dell'ambiente e dell'ecosistema. In particolare, la legge regionale sopprime le aree contigue esistenti, che saranno ridefinite con una procedura non conforme a quella stabilita dalla legge quadro statale, che prevede il coinvolgimento degli enti parco, e mantiene, per le aree ricadenti nella preesistente perimetrazione, tutte le misure di salvaguardia tranne quelle sulla caccia, non osservandosi i limiti al prelievo venatorio validi invece in tali aree, così come affermato anche dalla Corte costituzionale nelle sentenze 272/2009 e 315/2010. Il governo ha inoltre rinunciato all'impugnativa della legge regionale dell'Abruzzo n. 32/2009 «Modifiche alla lr 10 marzo 2008, n. 2 e successive modifiche (Provvedimenti urgenti a tutela della costa teatina)».

Nomine. Il Consiglio ha deliberato la nomina a Consiglieri di stato di Antonio Malaschini, Segretario generale del Senato e Alessandro Palanza, Vicesegretario generale della Camera, e del prefetto Carlo Schilardi. Sono stati invece nominati ambasciatore i ministri plenipotenziari Sandro De Bernardin, Stefano Ronca, Francesco Paolo Trupiano, Luca Del Balzo di Presenzano, Francesco Maria Greco, Giorgio Malfatti di Monte Tretto, Daniele Mancini, Gherardo La Francesca. Confermato infine Giuseppe Peleggi quale direttore dell'Agenzia delle dogane, tenuto conto del parere favorevole espresso dalla Conferenza unificata.

vota