Consulenza o Preventivo Gratuito

Vies a tutti gli uffici

del 28/01/2011
di: di Roberto Rosati
Vies a tutti gli uffici
L'istanza per l'inserimento nell'archivio dei soggetti autorizzati alle operazioni intracomunitarie (Vies) può essere consegnata a mano oppure spedita con raccomandata a qualsiasi ufficio territoriale dell'agenzia delle entrate. L'eventuale richiesta di cancellazione, invece, va recapitata, con una delle suddette modalità, esclusivamente all'ufficio al quale è stata presentata la richiesta iniziale. Queste le ulteriori precisazioni fornite ieri dall'agenzia con un comunicato stampa che fa seguito a quello del giorno precedente (si veda ItaliaOggi di ieri), nel quale si diceva che la raccomandata avrebbe dovuto essere indirizzata all'ufficio competente per i controlli. In pratica, considerato che il provvedimento del 29/12/2010 prevede la consegna diretta dell'istanza a qualsiasi ufficio, il nuovo comunicato puntualizza che anche la spedizione postale può essere indirizzata a qualsiasi ufficio territoriale, a prescindere dal domicilio fiscale. Il contribuente residente a Milano, per esempio, potrà presentare l'istanza, consegnandola a mano oppure spedendola con raccomandata (allegando una fotocopia del documento di identità), all'ufficio territoriale di Como, oppure di Palermo ecc. L'Agenzia pone però un vincolo per l'eventuale domanda di cancellazione dall'archivio, nel caso in cui l'istanza di iscrizione sia stata presentata senza motivo, prescrivendo che tale domanda debba essere inoltrata, con le suddette modalità, allo stesso ufficio destinatario dell'istanza di iscrizione. Intanto domani, 29 gennaio, cade quella che molti contribuenti hanno annotato come la data di scadenza per l'iscrizione in Vies. Occorre precisare che tale scadenza non esiste. L'istanza di autorizzazione può infatti essere presentata in qualsiasi momento e si intenderà accolta con il meccanismo del silenzio assenso, se non viene notificato diniego entro trenta giorni dalla presentazione, con effetto dal 31° giorno. L'individuazione della data del 29 gennaio si ricollega, nella fase transitoria, alla previsione del provvedimento dell'Agenzia secondo cui, entro il 28 febbraio 2011, saranno esclusi da Vies i soggetti non aventi i criteri per la conferma automatica, salvo che abbiano presentato l'istanza. Come chiarito dall'agenzia nel forum di ItaliaOggi del 14 gennaio scorso, se alla data di ultimazione delle procedure costitutive di Vies saranno trascorsi più di trenta giorni dalla presentazione dell'istanza, il contribuente sarà abilitato senza soluzione di continuità; diversamente, sarà prima escluso e poi reiscritto, ma con effetto dal 31° giorno. È stato perciò ritenuto che, al fine di ottenere la conferma ininterrotta, occorra presentare l'istanza entro domani, trentesimo giorno anteriore al 28 febbraio 2011. Chiarito, pertanto, che l'unica motivazione è l'iscrizione retroattiva, va detto che non è affatto certo che la presentazione dell'istanza entro domani realizzi l'obiettivo, perché non può escludersi che l'agenzia concluda la procedura prima del 28 febbraio, e dunque prima del decorso dei trenta giorni. Sul punto, per il vero, non vi è molta chiarezza e l'unico suggerimento che si può dare è di controllare ripetutamente la propria situazione, dal 1° febbraio, attraverso l'apposita sezione del sito dell'Agenzia.

vota