Consulenza o Preventivo Gratuito

Il tfr di dicembre a quota 2,93%

del 15/01/2011
di: a cura di Bruno Toniolatti studio Associato Paoli
Il tfr di dicembre a quota 2,93%
A dicembre 2010 il coefficiente di rivalutazione del trattamento di fine rapporto è 2,935935. L'indice dei prezzi al consumo calcolato dall'Istituto nazionale di statistica, con esclusione del prezzo dei tabacchi lavorati, è al valore di 138,4. A novembre, lo ricordiamo, lo stesso indice era stato calcolato a quota 137,9.

Tramite i dati resi noti ieri dall'Istituto di statistica è possibile calcolare il dato del trattamento di fine rapporto, introdotto dalla legge n. 297/82. Secondo quanto stabilito dal codice civile (art. 2120) il trattamento di fine rapporto accantonato al termine di ogni anno deve essere rivalutato mensilmente sommando due elementi:

a) il 75% dell'aumento del costo della vita rispetto al mese di dicembre dell'anno precedente. Poiché l'indice di dicembre 2009 (mese di riferimento per tutto l'anno 2010) era pari a 135,8 la variazione percentuale di dicembre 2010 su dicembre 2009 risulta:

(138,4 – 135,8)

x 100 x 75% = 1,435935

135,8

b) l'1,50% annuo, frazionato su base mensile (0,125%). A dicembre si ha: 0,125% x 12 = 1,500.

Pertanto il coefficiente tfr del mese di dicembre (15 dicembre-14 gennaio) è 2,935935 dato dalla somma di 1,435935 + 1,500.

Esempio di calcolo tfr.

Un dipendente ha cessato il rapporto di lavoro il 31 dicembre 2010. La sua situazione è:

  • tfr maturato

    al 31/12/09euro 25.000,00

  • imponibile

    previdenziale

    anno 2010euro 25.000,00

  • tfr maturato

    nell'anno 2010euro 1.851,85

    Pertanto la sua liquidazione, al lordo delle imposte sarà:

  • tfr al 31/12/09euro 25.000,00+

  • rivalutazione

    (2,935935%

    di 25.000)euro 733,98+

  • tfr maturato

    nell'anno 2010euro 1.851.85+

  • ritenuta

    previdenziale

    (0,50% su 25.000)euro 125,00–

  • totaleeuro 27.460,84

    L'indice utile al calcolo del coefficiente tfr del mese del mese gennaio 2011 sarà comunicato dall'Istat il prossimo 23 febbraio e sarà pubblicato su ItaliaOggi di giovedì 24 febbraio.

  • vota