Consulenza o Preventivo Gratuito

In crescita il gettito fiscale

del 14/01/2011
di: La Redazione
In crescita il gettito fiscale
Sale il gettito della lotta all'evasione fiscale. Nel periodo gennaio-novembre del 2010, infatti, risulta favorevole l'andamento dei ruoli incassati, che evidenziano una crescita pari a 643 milioni di euro (+15,9 per cento) rispetto allo stesso periodo dell'anno prima. Lo ha comunicato ieri in una nota il Dipartimento delle finanze del ministero dell'economia.

L'andamento delle entrate fiscali, al netto delle una tantum, si legge nella nota del Tesoro, «mostra una evidente ripresa facendo registrare una crescita dello 0,7%, in netto miglioramento rispetto al risultato di ottobre in cui è stato rilevato un calo dello 0,3%. Per la prima volta nel 2010 l'andamento delle entrate evidenzia una variazione positiva rispetto al corrispondente periodo del 2009».

«In consistente crescita», prosegue la nota, «il gettito Ire che mostra un incremento del 4,4% (+6.322 milioni di euro), imputabile al buon andamento del gettito delle ritenute nel loro complesso (+3,1%) rispetto al quale si conferma in specie l'andamento positivo delle ritenute versate dai lavoratori autonomi. I versamenti del mese di novembre evidenziano il rilevante incremento del gettito dell'imposta versata in autoliquidazione che, nei primi 11 mesi di quest'anno, è aumentato del 9,8% rispetto allo stesso periodo del 2009.»

In crescita anche il gettito Iva con un incremento del 3,9% (+3.681 milioni di euro) trainato dal gettito dell'imposta sulle importazioni (+31,0%). Si segnala che anche l'imposta sugli scambi interni continua a far registrare un andamento positivo (+0,7%).

«L'andamento delle entrate nel periodo gennaio-novembre 2010», comunicano dal Dipartimento delle finanze, «è perfettamente in linea con le previsioni ed evidenzia un significativo miglioramento rispetto a quello registrato nei primi dieci mesi dell'anno, con un calo limitato ormai solo allo 0,4% (nel periodo gennaio-ottobre 2010 il calo è stato dell'1,7%).»

La flessione è imputabile al previsto minor versamento a saldo registrato a febbraio 2010 dell'imposta sostitutiva su interessi e altri redditi da capitale, all'andamento dell'autoliquidazione e al previsto venir meno di entrate una tantum.

Anche il trend delle imposte degli enti territoriali registra una variazione negativa di 194 mln (-0,5%). Al contrario, risulta favorevole l'andamento dei ruoli incassati, che nel periodo evidenziano una crescita pari a 643 milioni di euro (+15,9%).

Nel complesso, quindi, le entrate tributarie del bilancio dello stato e degli enti territoriali, inclusi gli incassi erariali dei ruoli e l'effetto nettizzante delle poste correttive, evidenziano un incremento pari a 7,212 mld (+1,9%), attestandosi a 383,124 mld per il 2010 contro 375,912 mld per il 2009.

Nel periodo compreso tra gennaio e novembre 2010 le entrate totali relative ai giochi (che includono varie imposte classificate sia come imposte dirette che come indirette) sono state pari a 11.374 milioni di euro +41 milioni di euro, pari a +0,4%.

Per quanto riguarda i flussi di entrate del solo mese di novembre 2010, il Mef fa sapere che l'imposta sul complesso dei giochi ammonta a 929 milioni di euro (+151 milioni di euro, pari a +19,4%).

vota