Consulenza o Preventivo Gratuito

La Ctp non chiami il fisco

del 11/01/2011
di: di Debora Alberici
La Ctp non chiami il fisco
La commissione tributaria, chiamata a stabilire la validità di un accertamento induttivo, non deve interpellare gli uffici delle Entrate per raccogliere nuovi elementi anche in assenza di gravi indizi.

Lo ha sancito la Corte di cassazione che, con la sentenza n. 26424 del 30 dicembre 2010, ha respinto il ricorso di un'azienda alla quale era stato notificato un accertamento induttivo basato sulle cosiddette presunzioni «super-semplici» e cioè in assenza di gravi indizi. Il caso a Roma. Un centro di divulgazione moda aveva ricevuto un accertamento induttivo basato sulle informazioni raccolte dalla Guardia di Finanza. La contribuente aveva subito impugnato gli atti impositivi ma la commissione tributaria provinciale di Roma aveva respinto. Così aveva presentato appello, lamentando una violazione dell'articolo 7 del dlgs. 546/92.

Ma i giudici regionali avevano confermato il primo verdetto. A questo punto l'azienda ha presentato ricorso alla Suprema corte ma ancora una volta senza successo. Infatti gli “Alti” giudici hanno respinto sia il punto della validità dell'accertamento fondato su presunzioni «super-semplici» sia quello sulla obbligatorietà, in queste circostanze, della richiesta di informazioni ulteriori agli uffici dell'Agenzia delle Entrate. Su quest'ultimo aspetto, gli Ermellini, hanno infatti stabilito che il giudice ha una mera facoltà di chiedere agli uffici tributari informazioni e chiarimenti indispensabili ad acquisire elementi necessari alla decisione. La sezione tributaria ha respinto il motivo presentato dall'azienda perché dalla sentenza della Ctr risulta che gli accertamenti impugnati facevano riferimento a presunzioni prive dei caratteri di gravità, precisione e concordanza ma era giustificato, nonostante la mancata presentazione delle dichiarazioni dei redditi da una complessiva inattendibilità delle scritture di impresa «per mancanza delle garanzie proprie di una contabilità sistematica».

Debora Alberici

vota