Consulenza o Preventivo Gratuito

Commissioni specializzate

del 11/01/2011
di: di Cristina Bartelli e Gianni Macheda
Commissioni specializzate
I giudici tributari aggiornano le composizioni delle commissioni per il 2011. Con una risoluzione, del 14 dicembre, il consiglio di presidenza della giustizia tributaria (cpgt) fissa le linee guida per la determinazioni delle commissioni e il loro calendario di lavori. Nelle commissioni, innanzitutto, sarà possibile prevedere la presenza di giudici appartenenti alla stessa categoria solo quando in ciascuna delle altre sezioni risulti già assegnato un componente della stessa categoria. Per i neo nominati l'assegnazione dovrà essere effettuata con riferimento a una sezione in cui risultino assegnati componenti già in servizio. Per le sezioni tributarie viene riconosciuta una competenza specifica «assicurando», si legge nella risoluzione firmata da Daniela Gobbi, presidente del Cpgt, «ovviamente, nella composizione della stessa la presenza di componenti esperti nella materia» .

Se dovessero mancare allo stesso tempo presidente, vice presidente e giudice si invita la commissione a valutare l'opportunità di un congelamento temporaneo di una o più sezioni.

Compito del presidente di commissione è anche quello di fissare la commissione per l'assistenza tecnica gratuita mentre i presidenti delle commissioni provinciali indicheranno una o più sezioni che, nel periodo di sospensione feriale dei termini processuali, provvedono all'esame delle domande di sospensione cautelare per il provvedimento impugnato.

Calendario delle udienze. La risoluzione affronta anche la predisposizione del calendario delle udienze e ricorda che all'inizio di ogni anno il presidente della commissione, sentiti i presidenti di sezione, stabilisce i giorni della settimana nei quali le sezioni tengono udienza e fissa il periodo di vigenza della composizione dei collegi giudicanti in modo che risulti uniforme per tutte le sezioni. Nelle linee guida si mette in evidenza che per evitare collegi fissi si stabilisce con una cadenza che può variare dal trimestre fino al semestre la composizione dei collegi giudicanti e curando l'avvicendamento dei componenti della sezione. Le situazioni particolari dovranno essere segnalati dai presidenti delle commissioni e il consiglio di presidenza potrà autorizzare la deroga.

La tabella di marcia. I decreti dovranno essere depositati dai presidenti di commissione e di sezione entro il 15 gennaio. Ciascun componente potrà prenderne visione e estrarne la copia. La possibilità di formulare le osservazioni scadrà il 25 gennaio 2011. Dopo questa forma di contraddittorio i decreti dovranno essere adottati entro il primo febbraio 2011, fornendo motivazione sulle osservazioni raccolte. I decreti sono esecutivi ma potranno essere presentati reclami entro il 15 febbraio. Il mancato rispetto dei termini comporta l'avvio del procedimento disciplinare.

vota