Consulenza o Preventivo Gratuito

Per l'apprendistato arrivano 100 mln

del 18/12/2010
di: di Carla De Lellis
Per l'apprendistato arrivano 100 mln
Ripartite alle regioni e province autonome le risorse (euro 100 milioni) a favore dell'apprendistato. I fondi, validi per l'annualità 2010, vengono assegnati al finanziamento delle attività di formazione anche a favore di persone oltre il compimento di 18 anni d'età. La ripartizione è operata dal decreto 10 novembre del ministero del lavoro, pubblicato sulla G.U. n. 291/2010.

Le risorse. La ripartizione delle risorse, si legge nel decreto, è stata operata, secondo quote proporzionali, per il 70% in funzione del numero di apprendisti occupati in ciascun territorio e per il restante 30% sulla base del numero di apprendisti formati, con il limite minimo di 516 mila euro. In testa la Lombardia che ottiene un totale di oltre 17 milioni di euro, seguito da Emilia Romagna con più di 14 milioni di euro, dal Piemonte e dal Veneto con oltre 10 milioni di euro. Valle d'Aosta, Molise e Basilicata ottengono il minimo (516 mila euro). Il decreto stabilisce che una quota delle risorse pari al 20% del totale è destinata prioritariamente all'attuazione dei percorsi di apprendistato professionalizzante (articolo 49 del dlgs n. 276/2003) e per l'espletamento del diritto-dovere di istruzione e formazione (articolo 48 del dlgs n. 276/2003). E che una quota fino al 10% del totale delle risorse può essere utilizzata per il finanziamento di azioni di sistema e di accompagnamento collegate all'attività formativa. In nessun caso, invece, è possibile che le risorse possano essere utilizzate per il rimborso delle retribuzioni degli apprendisti.

Allo scopo di monitorare l'avanzamento delle attività per l'apprendistato, infine, il decreto prevede che ciascuna regione e provincia autonoma rediga un rapporto annuale di attuazione finanziario (impegni e pagamenti) elaborato secondo le linee guida fissate dal ministero del lavoro in collaborazione con l'Isfol, da inviare allo stesso ministero entro il 30 giugno 2011 preferibilmente per posta elettronica.

vota