Consulenza o Preventivo Gratuito

Multe, aumenti dal 2011

del 18/12/2010
di: di Enrico Santi
Multe, aumenti dal 2011
Dal 1° gennaio aumenteranno del 2,4% gli importi delle sanzioni amministrative pecuniarie per violazioni stradali. Sarà infatti emanato entro pochi giorni il decreto del ministro della giustizia, di concerto con il ministro dell'economia e delle finanze e con il ministro delle infrastrutture e dei trasporti, che disporrà l'adeguamento dell'entità delle sanzioni ai sensi dell'art. 195, comma 3, del codice della strada. A titolo esemplificativo, dal 1° gennaio 2011 il classico divieto di sosta costerà 39 anziché 38 euro. La variazione del 2,4% costituisce il più basso aggiornamento biennale di sempre, comunque di gran lunga inferiore all'ultimo aumento del 5,0% calcolato a dicembre 2008. Il codice della strada prevede che gli importi siano adeguati ogni due anni in misura pari all'intera variazione, accertata dall'Istat, dell'indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati (media nazionale) verificatasi nel biennio precedente. L'indice rilevato a novembre è stato pari al 2,4% e tale variazione sarà calcolata per incrementare gli importi delle sanzioni con la regola dell'arrotondamento all'unità di euro per eccesso se la frazione decimale è pari o superiore a 50 centesimi di euro oppure per difetto se è inferiore. L'arrotondamento sarà applicato alle sanzioni edittali, ma non agli importi che costituiscono il risultato di operazioni di divisione rispetto ai valori minimi o massimi previsti dal codice della strada, come, per esempio, le somme da iscrivere a ruolo o le somme richieste a titolo di cauzione. Resteranno escluse dall'aggiornamento, non essendo ancora decorsi due anni, le norme con sanzioni entrate in vigore dopo il 1° gennaio 2009; fra queste, le nuove o diverse sanzioni amministrative pecuniarie introdotte dalla riforma stradale con la legge n. 120 del 29 luglio 2010.
vota