Consulenza o Preventivo Gratuito

Formazione, voucher di Fon.Coop

del 08/09/2010
di: La Redazione
Formazione, voucher di Fon.Coop
Nel corso del 2009 hanno chiuso i battenti circa 9mila imprese italiane, il 23% in più rispetto all'anno precedente. Dati sconfortanti, in particolare per le piccole imprese, che costituiscono circa l'85% del tessuto produttivo italiano e che in un periodo di crisi protratta come quella attuale hanno a disposizione pochi strumenti per fronteggiare le difficoltà.

Per uscire con successo da questa situazione è indispensabile valorizzare il capitale umano e rafforzare così la presenza sul mercato. In questo processo ideale un ruolo fondamentale è giocato dalla formazione, la leva più idonea per accrescere le competenze dei lavoratori.

Fon.coop, il Fondo interprofessionale delle imprese cooperative, con l'Avviso 13 ha stanziato 510 mila euro per voucher formativi di massimo 1.500 euro destinati ai lavoratori delle imprese con meno di 10 dipendenti.

Il voucher è una modalità che consente alle imprese di scegliere direttamente, presso una struttura formativa di fiducia, la formazione più idonea alle proprie esigenze di crescita.

«L'Avviso raccoglie un giusto mix di semplificazione, personalizzazione e informazione», ha spiegato Carlo Marignani, presidente di Fon.Coop, «a tutto vantaggio delle nostre aderenti di minor dimensione, il segmento più numeroso ma che più ha difficoltà a richiederci finanziamenti alla formazione».

Le imprese aderenti a Fon.Coop con meno di 10 dipendenti sono 6.664, il 65% del totale delle aderenti al Fondo. Di queste, dal 2004 ad oggi, hanno fatto formazione attraverso il Fondo 636 imprese, pari al 22% delle imprese che hanno ottenuto i finanziamenti. I lavoratori coinvolti sono oltre 4.800, il 4% dei 128 mila che hanno seguito i corsi finanziati. I contributi utilizzati sono circa 4 milioni sui 68 distribuiti sempre dal 2004, ovvero il 6% del totale.

«Fon.Coop è tra i più produttivi tra i Fondi interprofessionali, ed è in grado di ridistribuire equamente le risorse», ha aggiunto Carlo Marignani, «Il dato generale indica che il 23% delle imprese aderenti ed il 25% dei lavoratori utilizzano i nostri finanziamenti, soprattutto tra le Pmi. Tra le microimprese invece, a fronte di una partecipazione a livello aziendale nella media (il 23%), il dato che riguarda i lavoratori scende al 4%. Per incentivare l'utilizzo delle risorse abbiamo reso l'Avviso più facilmente accessibile, semplificando le procedure di accesso al finanziamento. Le richieste inoltre saranno valutate solo in base alla corrispondenza con certi requisiti formali e finanziate fino ad esaurimento risorse».

Una volta effettuata la scelta del voucher, l'impresa accede al sito del Fondo e compila on line la domanda di finanziamento, o formulario. I materiali informativi consentono all'utente di compilare in casa il formulario ed una rete di assistenti tecnici è a disposizione per dare assistenza personalizzata.

Il formulario deve essere validato entro il 23 settembre.

L'impegno verso le piccole imprese si inserisce in un complesso di iniziative che Fon Coop ha avviato a sostegno delle imprese cooperative in questa difficile congiuntura economica.

«Come Fondo cooperativo», ha sottolineato Marignani, «abbiamo nel Dna un modello di sviluppo particolarmente adatto all'attuale difficile congiuntura economica: come struttura che finanzia la formazione riusciamo a crescere in termini di aderenti nel mondo no profit ma anche nel mondo profit e a ridistribuire con efficacia ed equità le risorse che raccogliamo annualmente. Ma anche con spirito di solidarietà. Lo scorso anno il Fondo ha stanziato 6 milioni di euro per finanziare la formazione delle imprese in cassintegrazione ed in mobilità. L'iniziativa ha ottenuto un buon riscontro: le richieste hanno superato sino ad ora i 3 milioni di euro, i piani presentati sono stati in tutto 46 ed hanno coinvolto 3.300 lavoratori in cassintegrazione».

«A ben guardare i dati», ha proseguito Marignani, «negli ultimi mesi c'è stata un'accelerazione delle richieste, che ha confermato le nostre ipotesi di programmazione, ovvero che la crisi, nel comparto cooperativo, sarebbe stata in un momento iniziale gestita con misure di solidarietà interna e che l'accesso agli ammortizzatori sociali sarebbe stato dilazionato nel tempo. Dei tre milioni di euro impegnati infatti, uno è stato impegnato solo negli ultimi mesi. Ma da settembre ci sono delle novità: il Fondo ha deciso di finanziare voucher formativi fino a 2.500 euro per lavoratori in mobilità provenienti anche da imprese che non sono aderenti a Fon.Coop. Si tratta di dare un'ulteriore opportunità a quanti sono temporaneamente usciti dal mercato del lavoro e che, attraverso la formazione, potranno rafforzare ed ampliare le proprie competenze ed avere più chance per trovare un lavoro: magari proprio in ambito cooperativo».

vota