Consulenza o Preventivo Gratuito

Distacco, detraibile il costo eccedente il rimborso

del 08/09/2010
di: La Redazione
Distacco, detraibile il costo eccedente il rimborso
Linea dura della Suprema corte sul trattamento fiscale alle aziende in caso di distacco di personale. Infatti, è detraibile l'Iva del costo dei dipendenti solo per la parte eccedente il rimborso. Lo ha stabilito la sezione tributaria della Cassazione che, con la sentenza n. 19129 del 7 settembre 2010, ha accolto il ricorso dell'Agenzia delle entrate. In sostanza hanno messo nero s bianco in fondo alle motivazioni i giudici di Piazza Cavour, «è detraibile ai fini Iva, la somma eccedente il rimborso, da parte del soggetto A, del costo del personale del soggetto B distaccato verso A». È il caso di una società di informatica che aveva «prestato» dei suoi dipendenti a una multinazionale. Ma non si trattava di un distacco puro e semplice. Infatti, l'accordo fra la due aziende era di natura mista. «Non soltanto prestito di personale ma anche prestito relativo a diritti su beni immateriali e sulle invenzioni». Dopo aver ricevuto il rimborso dalla multinazionale l'azienda si era detratta l'Iva sull'intera somma. Così era scattato l'accertamento da parte dell'amministrazione finanziaria. A questo punto l'azienda ha impugnato l'atto impositivo di fronte alla commissione tributaria provinciale di Napoli e a vinto. Lo decisione è stata poi confermata dalla commissione regionale della Campania. Contro questa pronuncia l'Agenzia delle entrate ha presentato ricorso in Cassazione e questa volta lo ha vinto. Sancendo la detraibilità della somma ricevuta solo per la parte eccedente il rimborso dei salari dei dipendenti la sezione tributaria ha rimesso gli atti alla commissione campana affinché riconsideri il caso alla luce del nuovo principio affermato.

Debora Alberici

vota