Consulenza o Preventivo Gratuito

Roberto Falcone (Lapet): vie legali contro Via Arenula

del 31/08/2010
di: La Redazione
Roberto Falcone (Lapet): vie legali contro Via Arenula
Domanda. Roberto Falcone, presidente dei tributaristi della Lapet, la direttiva qualifiche è stata recepita nel 2007 con il dlgs 206. Eppure nessuna associazione oggi può vantare un decreto di accreditamento per sedere ai futuri tavoli europei sulle professioni. Secondo lei perché?

Risposta. Questo bisognerebbe che ce lo spiegassero dal ministero della giustizia. Come Lapet, abbiamo più volte sollecitato una risposta alla nostra istanza. L'ultima comunicazione del ministero inviataci, datata 22 giugno 2010, ci informava che la nostra documentazione era stata esaminata nel corso della Conferenza dei servizi tenutasi lo scorso 13 aprile 2010. E che il conseguente provvedimento amministrativo sarebbe stato predisposto quanto prima.

D. Il decreto, però, non è mai arrivato. E quindi adesso che cosa succede?

R. Succede che l'associazione aspetterà la prima metà di settembre. Poi passerà le vie legali per inottemperanza alla legge da parte del ministero della giustizia. Il Tar Lazio è stato chiaro confermando la legittimità dell'iter sulle associazioni previsto art. 26 del dlgs 206/07. Davvero non riusciamo a comprendere le ragioni di questo ritardo.

D. Fonti vicine al ministero parlano di un impedimento normativo...

R. Ognuno è libero di interpretare le leggi come crede, anche se in questo caso la magistratura amministrativa ha già chiarito quello che c'era da chiarire. Ma qui il problema è uno solo: il ministero della giustizia deve ottemperare alla legge ed emettere un decreto con una decisione. Poi ci regoleremo di conseguenza. La legge 241/90 prevede che la pubblica amministrazione concluda un procedimento mediante l'adozione di un provvedimento espresso ed entro un arco di tempo ragionevole. Nel nostro caso, invece, cominciamo a contare gli anni di silenzio.

vota