Consulenza o Preventivo Gratuito

Assonime, divieto di cumulo per il 55%

del 23/07/2010
di: di Andrea Bongi
Assonime, divieto di cumulo per il 55%
Le detrazioni d'imposta del 55% non possono essere cumulate con eventuali incentivi riconosciuti per i medesimi interventi di risparmio energetico dalla Comunità europea, dalla regione o da altri enti locali. In attesa del riconoscimento di tali contributi il contribuente può avvalersi della detrazione del 55% fermo restando che, al riconoscimento degli stessi, la detrazione già utilizzata in dichiarazione dovrà essere integralmente restituita anche per la parte non coperta da contributo.

Quanto alla data di fine lavori, momento dal quale decorre il termine per l'invio della comunicazione all'Enea, la stessa deve ritenersi coincidente con il cosiddetto «collaudo» degli interventi realizzati restando invece del tutto ininfluente a tale fine il momento di effettuazione dei pagamenti tramite bonifico bancario o postale.

Sono questi alcuni dei chiarimenti contenuti nella circolare Assonime n. 26/2010 del 20 luglio scorso in tema di deduzioni, detrazioni e crediti d'imposta, predisposta dalla citata associazione a commento degli ultimi interventi di prassi amministrativa in materia (in particolare le circolari nn. 21/e, 38/e, 39/e, 68/e del 2010).

Restando in tema di detrazioni per gli interventi di riqualificazione energetica Assonime ricorda come l'Agenzia delle entrate con la circolare n. 21/e del 2010, coerentemente a quanto già chiarito in materia di detrazione Irpef del 36%, ha precisato come il contribuente possa correggere il contenuto della scheda informativa, anche oltre il termine previsto per l'invio, attraverso l'invio telematico di una nuova comunicazione che di fatto annulla e sostituisce quella precedentemente trasmessa. Naturalmente tale comunicazione in rettifica dovrà essere inviata entro e non oltre il termine di presentazione della dichiarazione dei redditi nella quale le spese di riqualificazione energetica vengono portate in detrazione.

La circolare di Assonime prende in considerazione anche i recenti interventi di prassi amministrativa relativi alle deduzioni e detrazioni Irpef relative a oneri sostenuti dal contribuente. Con particolare riferimento alle spese mediche e a quelle di assistenza specifica necessarie nei casi di grave o permanente invalidità o menomazione, Assonime ricorda come qualora le spese per il ricovero vengano sostenute, in tutto o in parte, da uno dei familiari mentre la fattura venga intestata al paziente ricoverato, per poter beneficiare della deduzione di tali spese il soggetto che sostiene l'onere in questione deve integrare la fattura annotando sulla stessa l'importo versato.

Per quanto attiene invece alla detrazione del 19% per la spesa relativa agli acquisti di medicinali omeopatici, stando alle recenti indicazioni delle Entrate, la circolare Assonime ricorda come per questi farmaci, non essendo stata ancora attivata la procedura di autorizzazione all'immissione in commercio, lo scontrino fiscale rilasciato dalle farmacie al momento dell'acquisto potrà validamente indicare il nome commerciale del prodotto omeopatico oppure il corrispondente numero identificativo.

In materia invece di detrazione degli interessi passivi pagati per l'acquisto dell'immobile adibito ad abitazione principale la circolare Assonime ricorda come la detrazione stessa possa essere utilmente fruita anche dal contribuente che ha trasferito la propria abitazione principale per motivi di lavoro. In quest'ultima ipotesi il trasferimento della residenza potrà avvenire o nel comune ove si trova la nuova sede lavorativo o in un comune ad esso limitrofo. Naturalmente qualora vengano meno le esigenze lavorative che hanno determinato lo spostamento della dimora abituale del contribuente non troverà più applicazione la citata deroga alla detrazione degli interessi passivi sul mutuo relativo all'originaria abitazione principale con la conseguenza che a far data dall'esercizio successivo a quello in cui tali esigenze sono venute meno sarà inibita la detrazione degli interessi.

vota