Consulenza o Preventivo Gratuito

il fisco degli altri

del 23/07/2010
di: Gabriele Frontoni
il fisco degli altri
Nuovo ciclone fiscale in arrivo in Germania. Le autorità del land Schleswig-Zolstein hanno ricevuto la proposta d'acquisto per un cd contenente una lista di presunti evasori fiscali tedeschi con depositi presso una banca del Liechtenstein, la Liechtensteinischen Landesbank (Llb). «Stiamo valutando il valore dei dati contenuti nella lista», ha fatto sapere il portavoce del governo, lasciando intendere che un eventuale acquisto del disco dipenderà da quanto denaro potrà essere recuperato dagli investigatori. In base alle prime indiscrezioni, sembrerebbe che il dischetto contenga informazioni su centinaia di contribuenti che avrebbero depositato sui conti della Llb un totale di circa 500 milioni di euro. L'istituto era già stato al centro dello scandalo delle maxi-evasioni fiscali in Germania e nel resto d'Europa nel 2008, quando il governo di Berlino aveva acquistato per 4,5 milioni di euro un cd contenente migliaia di dati di presunti evasori.

Anche i non residenti potranno possedere il 51% di attività economiche sanmarinesi. È quanto disposto dal nuovo Testo unico sul Commercio approvato ieri dal Consiglio Grande e Generale con 30 voti a favore, 18 contrari e 6 astenuti. La nuova legge ha introdotto sul Titano la nuova tipologia di commercio elettronico oltre a regolarizzare le licenze industriali. Non solo. Il Testo unico sul Commercio ha definito in maniera univoca le differenze fra gli spazzi aziendali, gli outlet, i negozi al dettaglio e al commercio, fissando nuove regole anche per gli orari di vendita e i periodi di chiusura. Secondo il ministro dell'economia dl Titano, Marco Arzilli, la legge consentirà di sviluppare il settore, potenzialmente trainante per l'economia della Rupe, arrivando a generare fino al 30% del pil, e attirando investitori provenienti da fuori confine.

Dodici cittadini italiani sorpresi a varcare il confine sammarinese con contanti superiore ai 10 mila euro previsti dalla legge sammarinese. È questo il risultato del primo periodo d'attività dell'Aif, l'Agenzia d'informazione finanziaria operativa sul Titano dal novembre del 2008. Dal 31 ottobre 2008 al 31 dicembre 2009, sono stati eseguiti 2.988 controlli alla frontiera, ma solo 13 le violazioni accertate. Oltre 458 mila euro, l'importato sanzionato che ha portato nelle casse dello stato 24 mila euro. Dei 13 controlli con esito positivo, 12 sono relativi a cittadini italiani che, nella maggior parte dei casi, sono stati fermati mentre il denaro lo portavano fuori dai confini sammarinesi (nove casi) e solo in tre casi mentre entravano in Repubblica con denaro contante.

vota