Consulenza o Preventivo Gratuito

Detraibili le spese di mediazione

del 02/07/2010
di: di Andrea Bongi
Detraibili le spese di mediazione
Le spese di mediazione sono detraibili anche se sostenute prima della stipula del preliminare o del rogito notarile. Le prestazioni rese da un fisioterapista o da altre figure professionali operanti nel campo sanitario specificatamente individuate dal dm 29 marzo 2001 possono essere portate in detrazione dal contribuente nella dichiarazione dei redditi se accompagnate dalla prescrizione medica.

Sono questi alcuni dei principali chiarimenti in tema di deduzioni e detrazioni Irpef contenute nella circolare n. 39/e di ieri con la quale l'Agenzia delle entrate ha risposto in maniera ufficiale, ad alcuni dubbi sollevati nei giorni scorsi dai Centri di assistenza fiscale. Per quanto attiene alle spese per le intermediazioni immobiliare detraibili ai sensi dell'articolo 15 comma 1, lettera b-bis) del Tuir nel limite di 1.000 per ciascuna annualità, la circolare in commento precisa come l'agevolazione connessa alle stesse, essendo subordinata alla condizione che l'immobile sia adibito ad abitazione principale, venga meno nell'ipotesi in cui l'acquisto non venga poi concluso. Pertanto, qualora dette spese siano sostenute dal contribuente al momento dell'accettazione della proposta di acquisto, le stesse si renderanno detraibili sulla base del principio di cassa fermo restando che, nell'ipotesi in cui a detta proposta non segua poi l'acquisto dell'immobile da adibire ad abitazione principale il beneficio della detrazione Irpef sulle spese di intermediazione dovrà essere recuperato perché non più spettante.

Diversi ed interessanti anche i chiarimenti forniti in tema di detraibilità delle spese mediche. In primo luogo la circolare chiarisce che rientrano nel novero delle prestazioni sanitarie detraibili al 19% anche quelle rese dalle c.d. professioni sanitarie riabilitative di cui al dm 29 marzo 2001. Si tratta delle attività rese dai podologi, dai fisioterapisti, dai logopedisti, dagli ortottisti, dai terapisti della neuro e psicomotricità dell'età evoluta, dai tecnici della riabilitazione psichiatrica, dai terapisti occupazionali e dagli educatori professionali. Per la detraibilità delle spese sostenute per queste particolari prestazioni la circolare n. 39/e conferma, in linea con precedenti interventi di prassi amministrativa, la necessità che le stesse siano state prescritte al contribuente da un medico. Ciò significa che in ipotesi di controllo documentale il contribuente dovrà esibire la ricevuta attestante la spesa e il relativo certificato medico.

In relazione invece alle spese sostenute per il ricovero di soggetti portatori di handicap, con la circolare di ieri le Entrate hanno chiarito che nell'ipotesi in cui l'istituto di cura certifichi le spese deducibili (spese mediche e paramediche e di assistenza specifica) separandole dall'intera retta pagata per la degenza, il familiare che ha sostenuto tutto o parte del costo, per potersi dedurre tali oneri, dovrà integrare la fattura stessa annotando l'importo da lui versato.

Interessante anche il chiarimento fornito in tema di detrazione degli interessi pagati sui mutui per l'acquisto dell'abitazione principale. L'ipotesi sottoposta alle Entrate riguardava due coniugi che avevano acquistato un'abitazione e stipulato un contratto di mutuo cointestato al 50% ciascuno. Successivamente a detto acquisto uno dei coniugi donava all'altro la sua quota di abitazione e ne acquistava un'altra al 100%. In questo caso la circolare prevede che per il donatario la detrazione degli interessi sul mutuo potrà continuare solo per la parte di debito assunta con il contratto e rimasta a suo carico, ovvero per il 50% nel limite di 2.000 euro annui. Per il coniuge donante invece sussiste la possibilità di dedurre al 50% la quota di interessi rimasta a suo carico nel periodo in cui era ancora proprietario dell'immobile (frazione di anno ante donazione) mentre potrà dedurre integralmente e nel limite massimo di 4.000 euro annui, l'eventuale secondo mutuo contratto per l'acquisto della nuova abitazione.

vota