Consulenza o Preventivo Gratuito

La residenza in ritardo fa perdere l'agevolazione

del 16/06/2010
di: La Redazione
La residenza in ritardo fa perdere l'agevolazione
Perde le agevolazioni prima casa il contribuente che, pur avendo chiesto prontamente la residenza, l'abbia ottenuta solo dopo il decorso dei termini e cioè dopo un anno dalla dichiarazione contenuta nell'atto di acquisto.

Lo ha stabilito la Corte di cassazione che, con la sentenza n. 14399 di ieri, ha accolto il ricorso dell'amministrazione finanziaria contro un contribuente che aveva ottenuto la residenza, pur avendo fatto domanda entro l'anno, solo dopo il decorso dei termini. In particolare la prima istanza era stata respinta dall'ente locale.

Infatti l'uomo era riuscito a prendere la residenza solo dopo una seconda istanza. Per questo gli era stata notificata una rettifica dell'imposta di registro che lui aveva impugnato di fronte alla ctp. In primo grado i giudici gli avevano dato torto. Poi le cose erano andate meglio davanti alla Ctr che aveva annullato la rettifica. Contro questa decisione il fisco ha fatto ricorso in Cassazione e lo ha vinto. La sezione tributaria ha infatti sottolineato che «in tema di imposta di registro ai sensi del comma II bis della nota all'art. 1 della tariffa allegata al dpr 26 aprile 1986, n. 131 che ricalca sostanzialmente la disposizione contenuta nell'art. 2 del dl 7 febbraio 1985, n. 12, conv. in legge 5 aprile 1985, n. 118 - la fruizione dell'agevolazione fiscale per l'acquisto della prima casa richiede che l'immobile sia ubicato nel comune ove l'acquirente ha la residenza». Dunque, «attesa la lettera e la formulazione della norma, nessuna rilevanza giuridica può essere riconosciuta alla realtà fattuale, ove questa contrasti con il dato anagrafico, o all'eventuale successivo ottenimento della residenza, essendo quest'ultima presupposto per la concessione del beneficio che deve sussistere alla data dell'acquisto». Nel caso sottoposto all'esame della Corte è pacifico che il contribuente ha registrato l'atto di acquisto dell'immobile il 2/11/98 ed ha ottenuto la residenza in accoglimento di una domanda presentata il 17/2/2000, dopo che il medesimo Comune aveva rigettato quella presentata in data 19/11/99.

vota