Consulenza o Preventivo Gratuito

Il bando 01/10 a Venezia

del 10/06/2010
di: La Redazione
Il bando 01/10 a Venezia
L'11 e 22 giugno il consiglio di amministrazione di Fondoprofessioni, presieduto da Massimo Magi, esaminerà le strategie che fisseranno le linee di indirizzo dell'avviso 01/10 e definirà nel dettaglio le caratteristiche del bando. Indirizzi e linee guida saranno presentati il prossimo 1° luglio a Venezia presso l'Hotel Amadeus (Carnareggio, 227). I lavori avranno inizio alle ore 10,00 con i saluti da parte della presidenza di Fondoprofessioni. Durante la mattinata, la direzione illustrerà ai partecipanti le specifiche tecnico-operative del nuovo avviso. I lavori si concluderanno alle ore 13.30 con un buffet, vista Canal Grande. La giornata formativa-informativa è rivolta principalmente agli Enti Attuatori che intendono candidare, a valere sull'avviso 01/10, piani formativi per conto degli studi professionali e delle aziende collegate aderenti al Fondo attraverso il versamento del contributo dello 0,30. La legge 388/2000, istitutiva dei fondi paritetici interprofessionali per la formazione continua, consente alle aziende di scegliere dove destinare la quota dello 0,30 dei contributi da versare all'Inps, il cosiddetto contributo obbligatorio per la disoccupazione involontaria, per la formazione dei propri dipendenti. Il contributo se viene destinato a Fondoprofessioni, specializzato nell'analisi del mondo delle professioni, permette quindi agli studi e alle aziende di farsi finanziare la formazione dei propri dipendenti e di realizzare interventi formativi e mirati alle loro effettive esigenze. Per poter richiedere gratuitamente il finanziamento di un piano formativo è sufficiente che gli studi professionali e le aziende collegate destinino a Fondoprofessioni il suddetto contributo obbligatorio. La procedura di adesione al Fondo dev'essere effettuata segnalando nella denuncia aziendale mensile del flusso Uniemens, la voce «FPRO». L'adesione, che è assolutamente gratuita, può essere effettuata direttamente dal datore di lavoro o tramite il suo studio di consulenza. Gli studi e le società collegate iscritte al Fondoprofessioni, in questo modo possono recuperare le risorse versate per attivare piani di formazione per la crescita e lo sviluppo delle loro risorse umane. Fondoprofessioni, nato a seguito dell'accordo interconfederale del 7 novembre 2003 stipulato tra Confprofessioni, Confedertecnica, Cipa Cgil, Cisl e Uil , è fortemente orientato a sostenere la crescita del professionalismo in Italia, in particolare quella dei collaboratori-dipendenti degli studi professionali e delle aziende ad esse collegate.
vota