Consulenza o Preventivo Gratuito

Alla cassa per l'Inail

del 11/05/2010
di: di Carla De Lellis
Alla cassa per l'Inail
Imprese alla cassa per il pagamento della seconda rata del premio assicurativo Inail. Scade il 16 maggio infatti, il termine per il versamento della seconda rata per i datori di lavoro che hanno scelto la rateazione del premio. Ci sarà un giorno di tempo in più: poiché quest'anno il termine cade in un giorno festivo (domenica) il pagamento potrà essere effettuato entro il giorno seguente (17 maggio). Lo ha ricordato ieri l'Inail con un comunicato.

La rateazione ordinaria. La possibilità di pagare in 4 rate trimestrali il premio Inail (sia in regolazione che in anticipo) è stata introdotta dalla legge n. 449/1997, la Finanziaria 1998 al prezzo di un interesse sulle rate successive alla prima e pari alla misura fissata ogni anno dal ministero del tesoro, sulla base del tasso medio d'interesse dei titoli del debito pubblico relativo all'anno precedente. A partire dall'autoliquidazione 2007/2008, nell'ottica della semplificazione, l'Inail ha adottato il nuovo principio di ritenere valida la manifestazione di volontà espressa una prima volta dal datore di lavoro circa il pagamento (a rate o in unica soluzione) del premio e di conservargli efficacia fino alla revoca. Pertanto, il datore di lavoro che nel passato si è avvalso del pagamento in unica soluzione, quando vuole avvalersi della rateazione deve barrare l'apposita casella presente sul modulo di denuncia salari; la nuova scelta resterà valida anche per gli anni successivi fino a revoca. Allo stesso modo, il datore di lavoro che si sia avvalso nel passato del pagamento rateale, quando vuole pagare in unica soluzione è tenuto a fare una formale revoca scritta della formula rateale su uno specifico modulo a tal fine istituito dall'Inail e da consegnare entro lo stesso termine previsto per l'autoliquidazione (16 febbraio).

Interesse al 2,18%. Per chi si sta avvalendo del pagamento rateale (autoliquidazione 2009/2010) l'Inail ha reso noto i coefficienti da utilizzare per determinare le rate successive alla prima, in considerazione del tasso d'interesse in misura del 2,18% fissato dal ministero dell'economia. I coefficienti variano in base alla scadenza dell'autoliquidazione: ordinaria al 16 febbraio ovvero al 16 giugno per le Pat di nuova emissione. Nel primo caso si hanno i seguenti coefficienti: 0,005315616 da moltiplicare all'importo della seconda rata con scadenza al 17 maggio; 0,0010810411 da moltiplicare all'importo della terza rata con scadenza al 16 agosto; 0,016305205 da moltiplicare all'importo della quarta rata con scadenza al 16 novembre. Nel secondo caso, fermo restando che il datore di lavoro deve versare il 50% dei premi dovuti (pari alle prime due rate senza interessi) entro il 16 giugno 2010 si ha: coefficiente 0,003643288 da moltiplicare all'importo della terza rata in scadenza al 16 agosto; coefficiente 0,009138082 da moltiplicare all'importo della rata con scadenza al 16 novembre.

vota