Consulenza o Preventivo Gratuito

Sul Mud conviene aspettare

del 27/04/2010
di: Giorgio Ambrosoli
Sul Mud conviene aspettare
Sul Modello unico ambientale (Mud) potrebbe essere opportuno far passare la scadenza del 30 aprile per la presentazione. Si pagherebbe (entro i successivi 60 giorni) la sanzione amministrativa pecuniaria da 26 euro a 160 euro, ma si eviterebbe anche di commettere errori nella compilazione del modello. L'intenzione del Ministero dell'Ambiente (e del Governo) di pervenire ad una proroga del Mud non può essere messa in dubbio. Ma intanto è sfumata la possibilità di inserirla nel decreto legge riguardante gli Enti Lirici approvato nel Consiglio dei Ministri del 16 aprile. Le difficoltà tecnico-procedurali stanno dunque rendendo tutto estremamente complesso. Se fino alla scorsa settimana l'ipotesi del Decreto Legge “ad hoc” sembrava l'ipotesi più probabile (oltre che essere stata annunciata con un comunicato stampa del Ministero dell'Ambiente, tuttora presente sul sito del Ministero che porta la data del 9 aprile), alla verifica dei fatti detta ipotesi risulta ormai impercorribile.

A questo punto, può essere solo ipotizzata la pubblicazione di un nuovo DPCM che ripristini il Mud 2002 (integrato dai dati RAEE ed ELV) e l'approvazione da parte del Parlamento di un emendamento che disponga il rinvio della scadenza dal 30 aprile al 30 giugno.

In proposito, risultano essere stati presentati due identici emendamenti al DDL di conversione del DL sugli incentivi (AC 3350), in approvazione verso metà maggio, che prevedono la proroga del termine in questione dal 30 aprile al 30 giugno. Ecco, dunque che si andrebbe oltre il 30 aprile lasciando le imprese “scoperte” per quindici giorni.

Da qui la domanda sul profilo sanzionatorio applicabile al caso di specie. A cui si risponde leggendo il disposto dell'art. 258

(violazione degli obblighi di comunicazione, di tenuta dei registri obbligatori e dei formulari), comma 1 del DLgs n. 152/2006: chi non effettua la comunicazione ivi prescritta ovvero la effettua in modo incompleto o inesatto sconta la sanzione amministrativa pecuniaria da duemilaseicento euro a quindicimilacinquecento euro.Ma se la comunicazione e' effettuata entro il sessantesimo giorno dalla scadenza del termine stabilito ai sensi della legge 25 gennaio 1994, n. 70 (e nel caso del Mud la convenienza potrebbe essere evidente), si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da ventisei euro a centosessanta euro.

vota