Consulenza o Preventivo Gratuito

In Liguria

del 16/04/2010
di: di Elisabetta Giuliano, responsabile Assoculturasicurezza di Fulvio Fornaro, SAIL626
In Liguria
naugura oggi a Genova Focusfire 2010

Apre oggi 16 aprile a Genova i battenti la seconda edizione del Focusfire 2010. Il convegno si terrà presso l'Auditorium dei Musei di Strada Nuova. E' il primo degli eventi dedicati alla Sicurezza sul Lavoro nell'ambito delle Manifestazioni che

culmineranno in Liguria con la 5^ edizione della «Settimana Ligure per la Sicurezza e la Salute sul Lavoro». Si presenta come un evento ricco di importanti ed illustri Ospiti ( Claudio Scajola – Ministro dello Sviluppo Economico, Roberto Maroni – Ministro dell'Interno, Sandro Marinelli – Resp. Sicurezza Senato della Repubblica, Raffaele Guariniello – Pm Procura della Repubblica, Rolando Dubini avvocato); un'occasione di incontro e confronto sulla realtà, non solo normativa, della sensibilità verso una sempre maggiore Cultura della Sicurezza. La proposta di coinvolgere sempre più le Istituzioni e gli Enti Istituzionali Liguri al fine di raggiungere un obiettivo comune: far crescere la Cultura della Sicurezza!

Partendo da un impianto Normativo attualmente in vigore, meccanismo potenzialmente perfetto, portare alla luce alcune delle criticità relative all'ambito antincendio sarà, per gli esperti ed illustri Relatori, come lentamente ricostruire una parte normativa mancante e, in alcuni casi, una parte attuativa mancante. Una grossa lacuna che, costruttivamente sarà presa in esame per fornire proposte ed iniziative, idee e suggerimenti perché parta da noi tutti la volontà di «cambiare le cose» costruendo ciò che manca o ciò che, semplicemente, non viene attuato.

Nuove norme per la prevenzione

Cifra più cifra meno dall'inizio dell'anno sono all'incirca 25 i morti sul lavoro per le cadute dall'alto. Quasi il 22% dei decessi totali nei primi mesi di questo 2010.

Questa tipologia di incidente è responsabile del 13% (circa 79 mila giornate, esclusi i decessi) di tutte le giornate di lavoro perse per infortunio. La probabilità di farsi male per caduta dall'alto in maniera grave, cresce con l'aumentare dell'età; il 18% è costituito da lavoratori nati all'estero. Il triste tributo lo forniscono maggiormente il settore delle Costruzioni e il comparto dell'Agricoltura.

L'analisi evidenzia che nel 30% dei casi è implicata una scala portatile (più del 40% in agricoltura), mentre nelle costruzioni il 17% coinvolge ponteggi o simili. Ed è proprio per scongiurare questi drammatici eventi e a tutela dei lavoratori edili che la Regione Liguria ha varato un nuova legge entrata in vigore il 4 marzo 2010 che ha come finalità quella di prevedere interventi a favore di quei lavoratori che, svolgendo lavori in quota, sono esposti a rischi particolarmente elevati per la loro salute e sicurezza, in particolare a rischi di caduta dall'alto.

In analogia ad altre Regioni italiane, (in Trentino ricordiamo sin dal 2008 il regolamento attuativo della «legge Parolari») la legge prevede l'installazione di un sistema di ancoraggio strutturale permanente sulle coperture e che permette di provvedere per gli interventi di nuove costruzioni, nonché ristrutturazioni, interventi di manutenzioni in copertura, quali pulizia delle gronde o installazione di impianti fotovoltaici, alla fornitura di un sistema di ancoraggio permanente e fisso ; molto importante da sottolineare (specie in questi tempi) che i costi di questo sistema anticaduta sono veramente contenuti. Ci deve essere insomma un sistema sicuro in funzione dell'utilizzo che avrà e, pertanto, anche sul tetto, come in altre parti di un edificio, deve esistere un progetto di fattibilità per le manutenzioni in copertura.

Un progetto che indichi esplicitamente i punti dove c'è sicurezza o dove esiste un rischio di caduta. Individuato ciò la legge vuole che ci siano, ben mirati, le indicazione dei dispositivi di protezione individuale da utilizzare a salvaguardia e tutela della sicurezza dei lavoratori.

vota