Consulenza o Preventivo Gratuito

il fisco degli altri

del 16/04/2010
di: Gabriele Frontoni
il fisco degli altri
Nuove rivelazioni sulla lista Falciani. Il procuratore generale di Nizza, Eric de Montgolfier, ha fatto sapere che almeno 30 cittadini francesi potrebbero ricevere un avviso di garanzia in relazione a presunti casi di riciclaggio di denaro di origine sospetta. E questo, grazie ai primi risultati dell'analisi condotta dalla Procura di Nizza sui dati relativi ai 127 mila conti correnti consegnati alle autorità fiscali transalpine dall'ex dipendente della filiale ginevrina di Hsbc, Hervé Falciani. «A questo stadio dell'inchiesta, che non è ancora conclusa, sembra che si possa arrivare a una trentina di casi con i rilievi del riciclaggio di averi di origine sospetta», ha fatto sapere il procuratore di Nizza levando i veli sul numero reale di persone identificate grazie ai file di Falciani. Si tratterebbe per l'appunto di 127 mila conti correnti riconducibili a 79 mila contribuenti residenti in ben 180 paesi. De Montgolfier, ha reso noto che di questi 79 mila contribuenti, 7.084 sarebbero italiani, 8.200 invece di nazionalità francese, 7.900 brasiliani e 6.500 sarebbero i britannici.

Il colosso bancario, Ubs, dovrà assumersi il carico di 40 milioni di franchi di costi legati alla querelle giudiziaria tra Berna a Washington sullo scambio di informazioni relative ai clienti americani della banca in possesso di conti segreti in Svizzera. È questa la decisione del Consiglio federale svizzero secondo cui «le spese occasionate dalla procedura d'assistenza amministrativa vadano a carico dei contribuenti elvetici».

Siglato ieri a Washington il protocollo d'intesa tra il comandante generale della Guardia di finanza Cosimo D'Arrigo, e l'amministratore di Alcohol and Tobacco Tax and Trade (Ufficio del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti), John J. Manfreda, per una sistematica collaborazione tra le due istituzioni per il contrasto agli illeciti economico-finanziari in materia di contrabbando di alcol e tabacco. Il fenomeno del contrabbando sarà contrastato grazie a una attività di consultazione, cooperazione e scambio di elementi informativi, nell'ambito delle specifiche competenze attribuite a Gdf e TTB, per evitare sovrapposizioni con altre istituzioni nazionali o internazionali.

Nuovi incentivi fiscali per le imprese che investono in Cina. Il Consiglio di stato ha emanato una serie di linee guida per attrarre nuove imprese nel paese. Sono previste agevolazioni alle importazioni con un abbattimento dei dazi doganali e dell'Iva, oltre a una serie di sgravi sulle imposte dovute sulla vendita di beni e servizi.

Via libera alla legge fiscale da parte del parlamento di Atene. Le misure messe a punto dall'esecutivo prevedono l'eliminazione dei vantaggi fiscali goduti da alcune categorie come medici, avvocati e taxisti. Aumentata anche l'imposizione sulle grandi proprietà, incluse quelle della Chiesa. Con il nuovo testo il governo cerca, inoltre, di lottare contro l'enorme evasione fiscale (15 miliardi di euro) costringendo i consumatori a chiedere scontrini e ricevute ed eliminando le transazioni d'affari in contanti.

vota