Consulenza o Preventivo Gratuito

Per i premi Inail un lieve rincaro

del 14/04/2010
di: di Carla De Lellis
Per i premi Inail un lieve rincaro
Lieve rincaro per premi dovuti all'Inail. Per l'anno 2010, i limiti imponibili per il calcolo dell'onere assicurativo si rivalutano dello 0,7% in base al tasso Istat. Lo comunica l'Inail nella circolare n. 12 del 12 aprile.

Minimali più cari. Ai fini del calcolo dei premi assicurativi, bisogna tener conto mensilmente della retribuzione che è fissata da leggi e contratti per confrontarla con il minimo dato dal 9,5% dell'importo del trattamento minimo di pensione a carico del fondo pensione lavoratori dipendenti. Da tale confronto, va preso il valore più elevato. Per il 2010, questo minimo imponibile giornaliero per il settore industriale si porta a 43,79 (43,49 per il 2009) euro per effetto della variazione Istat. Rapportato a mese (pari a 26 giornate), il minimale assume valore di euro 1.138,54. Nel caso di lavoratori a part-time, la base imponibile di riferimento diventa pari al prodotto tra retribuzione oraria, minimale o tabellare, e ore complessive da retribuire a carico del datore di lavoro. Considerando l'orario normale di lavoro (40 ore settimanali, per legge), la retribuzione minima oraria per il 2010 risulta pari a euro 6,57.

Parasubordinati. Il dlgs n. 38/2000 ha stabilito che la base imponibile di calcolo dei premi assicurativi dei lavoratori parasubordinati è data dai «compensi effettivamente percepiti» nel rispetto dei limiti minimo e massimo, ossia dei minimale e massimale di rendita. Poiché in questi rapporti non è prevista una prestazione a tempo l'imponibile non può essere misurato «a giorni di prestazione», derivando da questo che minimale e massimale di rendita vanno divisi in mesi, al fine di confrontarli con il compenso medio mensile ottenuto dividendo i compensi effettivi per i mesi, o frazioni di mesi, di durata del rapporto di collaborazione. Nel caso di mini co.co.co. (cioè dei rapporti di collaborazione di durata non superiore a 30 giorni e compensi non superiori a 5 mila euro in un anno solare), la base imponibile è costituita dai compensi percepiti effettivamente nel rispetto del minimale e massimale di rendita, rapportata ai giorni di effettiva durata del rapporto. Questi i valori per il 2010 (dal 1° luglio 2009): minimale mensile pari a euro 1.195,78 e massimale mensile pari a euro 2.220,73; minimale e massimale giornaliero, invece, pari rispettivamente a euro 47,83 ed euro 88,83 per le mini co.co.co.

vota