Consulenza o Preventivo Gratuito

Il familiare del socio paga l'Inail

del 06/04/2010
di: di Daniele Cirioli
Il familiare del socio paga l'Inail
I familiari collaboratori del socio di società (artigiana o non) vanno assicurati all'Inail. Lo stabilisce l'istituto assicuratore con la nota n. 2653/10.

La questione. La novità è emersa in seguito ad apposite richieste di chiarimento, in merito alla ricorrenza dell'obbligo assicurativo per i familiari coadiuvanti di soci di società artigiane e non artigiane. Una questione che trae spunto dai vincoli imposti dalla normativa vigente (articoli 4 e 9 del dpr n. 1124/65) che non consente di ricondurre «il coadiuvante familiare del socio di società» nell'ambito delle persone che sono assicurabili all'Inail. Infatti, il testo unico Inail (il dpr n. 1124/1965) include nell'ambito dei familiari coadiuvanti da assicurare all'Inail:

- il coniuge, i figli, anche naturali o adottivi, gli altri parenti, gli affini, gli affiliati e gli affidati del datore di lavoro che prestino con o senza retribuzione alle di lui dipendenze opera manuale o di sovrintendenza al lavoro di altri, nello svolgimento di lavorazioni rischiose (compresi, quindi, sia i succitati familiari coadiuvanti del datore di lavoro non artigiano, sia gli stessi familiari coadiuvanti del titolare dell'azienda artigiana);

- i familiari partecipanti all'impresa familiare non artigiana e i familiari partecipanti all'impresa familiare artigiana ossia il coniuge, i parenti entro il terzo grado e gli affini entro il secondo che prestano la propria opera manuale o di sovrintendenza, esercitando lavorazioni rischiose, nell'ambito dell'impresa familiare, a seguito della sentenza della Corte costituzionale n. 476/1987.

L'estensione dell'obbligo assicurativo. La normativa vigente, dunque, non ricomprende espressamente, fra i soggetti assicurati, i familiari coadiuvanti dei soci di società artigiane e quelli dei soci di società non artigiana, pur in presenza dell'esposizione al rischio connesso con lo svolgimento di lavorazioni rischiose.

Tuttavia, spiega l'Inail, la giurisprudenza ha operato diverse deroghe a tali principi. Per esempio, è stato esteso l'obbligo assicurativo ai familiari del socio di società previste da specifiche disposizioni di legge riguardanti le imprese artigiane costituite in forma di Sas e di Srl, con unico socio. Infatti, a decorrere dal 5 giugno 1997, l'Inail, per effetto dell'estensione della nozione di impresa artigiana anche alle Sas e alle Srl con unico socio ha assoggettato al premio speciale previsto per gli artigiani (circolare n. 97/1997):

- i familiari coadiuvanti operanti nell'ambito di una impresa artigiana costituita in forma di Sas;

- i familiari coadiuvanti operanti nell'ambito di una impresa artigiana costituita in forma di Srl con unico socio coincidente con il titolare dell'impresa.

Peraltro, aggiunge l'Inail, in merito alla questione del coadiuvante (familiare) del socio di società artigiana e non artigiana, particolare rilievo assume la sentenza n. 476/1987 della Consulta. In definitiva, dunque, poiché nel rapporto tra impresa familiare e società muta soltanto la natura giuridica del soggetto imprenditoriale e poiché tale circostanza non può determinare da sola l'esclusione dall'obbligo assicurativo del coadiuvante, l'Inail stabilisce che, laddove il coadiuvante familiare presti la propria opera manuale a beneficio del socio di società anche non artigiana, con carattere di continuità e abitualità e sotto la direzione del socio, lo stesso debba essere assicurato. Ciò non vale, ovviamente, nel caso di coadiuvante che esplichi la propria attività gratuitamente per motivi di affezione e in via occasionale ed eccezionale. I coadiuvanti familiari che collaborano stabilmente all'andamento della società sono equiparabili ai dipendenti e anche ai soci lavoratori. In tale ottica, pertanto i familiari coadiuvanti dei soci di Snc e gli accomandanti di Sas coadiuvanti familiari degli accomandatari, se partecipino al lavoro aziendale con carattere di abitualità e prevalenza e se l'impresa sia organizzata e/o diretta prevalentemente con il lavoro dei soci e dei loro familiari, sono soggetti anche all'assicurazione obbligatoria Inail. Relativamente ai coadiuvanti familiari dei soci di Snc e agli accomandanti di Sas coadiuvanti familiari degli accomandatari, ove si tratti di società artigiane, l'insorgenza dell'obbligo assicurativo è subordinata anche alla sussistenza dei requisiti sostanziali previsti dalla norme vigenti in tema di imprenditore artigiano e di impresa artigiana.

vota