Consulenza o Preventivo Gratuito

Bonus assunzioni, via alle istanze

del 01/04/2010
di: di Daniele Cirioli
Bonus assunzioni, via alle istanze
Al via le richieste per il bonus assunzione. Da oggi al 20 aprile prossimo, utilizzando il modello R/Ial, è possibile rinnovare le domande per beneficiare del credito d'imposta per i nuovi assunti del 2008 nelle aree svantaggiate. La possibilità è aperta ai datori di lavoro rimasti fuori dal bonus negli anni 2008 e 2009 per esaurimento delle risorse finanziarie. Lo ricorda, tra l'altro, un comunicato stampa diffuso ieri dall'Agenzia delle entrate.

Il bonus assunzioni. L'incentivo, i cui termini di accesso si sono chiusi il 31 gennaio 2009, consiste nel riconoscimento di un credito di imposta di 333 euro per ciascun nuovo lavoratore assunto, da computare per ciascun mese, a partire da quello di assunzione. Bonus che sale a 416 euro se l'assunzione riguarda donne che rientrano nella definizione di lavoratore svantaggiato. L'agevolazione è rivolta a tutti i datori di lavoro per le assunzioni effettuate nelle regioni Calabria, Campania, Puglia, Sicilia, Basilicata, Sardegna, Abruzzo e Molise ammissibili alle deroghe di cui all'articolo 87 del Trattato Ce. Le assunzioni premiabili sono soltanto quelle effettuate nell'anno 2008, mentre il credito d'imposta è attribuito per tre anni (2008, 2009 e 2010). Le assunzioni devono essere a tempo indeterminato e costituire incremento del numero di lavoratori a tempo indeterminato mediamente occupati tra il 1° gennaio e il 31 dicembre 2007. Il bonus fiscale va utilizzato esclusivamente in compensazione. Non concorre né alla formazione del reddito d'impresa, né al valore della produzione ai fini del calcolo dell'Irap. I datori di lavoro sono (stati) tenuti a presentare una domanda di autorizzazione al centro operativo di Pescara ai fini dell'accesso all'incentivo. Il termine a loro disposizione è scaduto il 31 gennaio 2009. Ottenuto l'ok all'agevolazione, il datore di lavoro è tenuto poi a procedere annualmente all'invio di una comunicazione sul rispetto della condizione del mantenimento, su base annuale, del surplus di occupati (sia a tempo indeterminato che a termine) rispetto al 2007. Un adempimento, questo, da assolvere negli anni 2009, 2010 e 2011 tra il 1° febbraio e il 31 marzo, che è presupposto imprescindibile per fruire della quota di credito d'imposta prenotata con l'istanza di accesso, relativamente all'anno nel quale la comunicazione è presentata e per quelli successivi.

Il rinnovo delle istanze. La procedura di gestione del bonus assunzione prevede tra il 1° aprile e il 20 aprile degli anni 2009 e 2010 la riapertura dei termini per la presentazione delle richieste di bonus da parte dei datori di lavoro che non sono stati ammessi al beneficio per esaurimento dei fondi. La comunicazione può essere presentata negli anni 2009 e 2010 da parte dei soggetti che, pur avendo trasmesso all'agenzia delle entrate l'istanza di attribuzione del credito d'imposta utilizzando il modello Ial, non ne hanno ottenuto accoglimento per esaurimento dei fondi. I soggetti interessati sono tenuti a presentare un'istanza di rinnovo (un modello R/Ial) per ciascuna istanza (modello Ial) di attribuzione del bonus validamente trasmessa e non accolta, in tutto o anche solo in parte, per esaurimento delle risorse finanziarie. La comunicazione deve essere presentata all'agenzia delle entrate esclusivamente in via telematica utilizzando il prodotto di gestione denominato «RinnovoIal» (stessa versione utilizzata nel 2009) e disponibile gratuitamente sul sito internet dell'Agenzia delle entrate:

· direttamente, da parte dei soggetti abilitati dall'Agenzia delle entrate;

· tramite una società del gruppo, qualora il richiedente appartenga ad un gruppo societario;

· tramite i soggetti incaricati (professionisti, associazioni di categoria, Caf, altri soggetti).

Il modello R/Ial si compone di:

a) un frontespizio contenente l'informativa sul trattamento dei dati personali, il numero di protocollo dell'istanza oggetto di rinnovo, i dati identificativi del datore di lavoro che intende beneficiare del credito d'imposta e la sottoscrizione dell'istanza;

b) il quadro A contenente i dati relativi al numero dei lavoratori per i quali spetta il credito e all'ammontare del credito d'imposta spettante, nonché i dati relativi alle basi occupazionali di riferimento della verifica annuale del livello occupazionale.

vota