Consulenza o Preventivo Gratuito

Inidoneo, a casa senza preavviso

del 31/03/2010
di: di Debora Alberici
Inidoneo, a casa senza preavviso
Non hanno diritto al preavviso i lavoratori che perdono il posto perché la prestazione è diventata «impossibile», come nel caso del pilota che è divenuto «inidoneo al volo». Lo ha stabilito la Corte di cassazione che, con la sentenza 7531 del 29 marzo 2010, ha accolto con rinvio il ricorso della Meridiana rinviando gli atti per la decisione definitiva alla Corte d'appello di Cagliari. In particolare la sezione lavoro ha invitato i magistrati sardi a riconsiderare il caso tenendo presente che l'istituto del preavviso contemplato dall'art. 2118 c.c. non può trovare applicazione, salvo che la legge o il contratto non disponga diversamente, allorché l'esecuzione della prestazione di lavoro dedotta in contratto sia divenuta totalmente e assolutamente impossibile, come avviene nel caso del pilota di aeromobile inidoneo al volo, che può rendere una diversa prestazione di lavoro nell'ambito del «personale di terra» soltanto in esecuzione di un contratto di lavoro diverso. Non solo. Va inoltre accertato «se il contratto collettivo applicabile al rapporto di lavoro controverso attribuisca l'indennità di mancato preavviso anche in caso di risoluzione del rapporto con pilota inidoneo permanentemente al volo».

Il caso riguarda un pilota della Meridiana licenziato perché era diventato inidoneo al volo. L'uomo non aveva avuto un periodo di preavviso né gli era stata pagata l'indennità. Così aveva fatto causa alla compagnia aerea. La Corte d'appello (confermando la decisione del tribunale di Tempio Pausania) aveva dato ragione al pilota ritenendo necessario il preavviso perché, avevano affermato i giudici, «l'inidoneità del pilota al volo non equivale all'impossibilità assoluta della prestazione di lavoro e va ricondotta alla fattispecie di risoluzione per giustificato motivo». Ma la Cassazione non ha condiviso questa tesi e ha accolto il ricorso dell'azienda precisando che in mancanza di una apposita norma contenuta nel contratto collettivo, l'inidoneità al volo del pilota è causa di interruzione del rapporto di lavoro immediata, senza preavviso.

vota