Consulenza o Preventivo Gratuito

Ipoteche, dalla Cassazione stop agli abusi

del 13/04/2016
di: Redazione
Ipoteche, dalla Cassazione stop agli abusi

Iscrivere ipoteca giudiziale su beni del debitore che eccedono il valore della cautela, si configura come un abuso dello strumento stesso della cautela. È quanto sancito da una sentenza della Corte di Cassazione, la n.6533, ostativa nei confronti di un istituto di credito che aveva iscritto ipoteca giudiziale, per 150 milioni di lire, sull’intero patrimonio immobiliare di un debitore.

 

Il tribunale aveva accolto l’opposizione al decreto ingiuntivo, ma non aveva riconosciuto danni – secondo l’articolo 96 del cpc – all’opponente. Anche la Corte di Appello di Bari rigettava la richiesta di risarcimento. Si andava di fronte alla Corte di Cassazione, dove il debitore chiedeva se nell’ipotesi risultasse accertato che la banca non aveva usato la normale diligenza nell’iscrivere ipoteca sui beni di valore sproporzionato rispetto al credito garantito.

 

La Cassazione ha accolto il ricorso, in particolare perché l’articolo 111 della Costituzione impone la ragionevolezza e la giustezza del processo. E non vi può essere giusto processo se esso è frutto di un abuso dell’esercizio dell’azione in forme eccedenti, o devianti, rispetto alla tutela dell’interesse sostanziale.

vota