Consulenza o Preventivo Gratuito

Sicurezza, fondi esauriti

del 31/03/2010
di: La Redazione
Sicurezza, fondi esauriti
Esauriti i fondi per il credito d'imposta alla sicurezza. L'assegnazione delle risorse (dieci milioni di euro per il triennio 2008-2010) stanziate per l'anno 2010 per il credito d'imposta previsto dall'articolo 1, commi da 228 a 232, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, a favore delle piccole e medie imprese commerciali di vendita al dettaglio e all'ingrosso nonché di somministrazione di alimenti e bevande, per l'adozione di misure per la sicurezza, si è conclusa l'8 marzo 2010, con l'accoglimento parziale dell'istanza presentata l'8 febbraio 2010 alle ore 10, 56 minuti e 14 secondi. Entro tale data sono state complessivamente accolte 5.282 istanze, di cui 3.839 dell'anno 2009, che non risultavano soddisfatte nel precedente esercizio finanziario 2009 per esaurimento delle relative risorse e con conseguente titolo di precedenza sui fondi 2010, nonché 1.443 presentate nell'anno 2010. Lo ha comunicato ieri l'Agenzia delle entrate con il provvedimento del 29 marzo 2010 protocollo n. 49167/2010 avente a oggetto «Comunicazione di avvenuto esaurimento delle risorse finanziarie stanziate per l'anno 2010 dall'articolo 1, comma 230, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per il credito d'imposta a favore delle piccole e medie imprese commerciali di vendita al dettaglio e all'ingrosso e quelle di somministrazione di alimenti e bevande per l'adozione di misure per la sicurezza». Ricordiamo che l'articolo 1, commi da 228 a 232, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, prevede per gli anni 2008, 2009 e 2010 la concessione di un credito d'imposta per l'acquisto e l'installazione di apparecchi di videosorveglianza e strumenti di pagamento con moneta elettronica da parte delle piccole e medie imprese commerciali di vendita al dettaglio e all'ingrosso e di quelle di somministrazione di alimenti e bevande.

Un bonus che copre l'80%dei costi sostenuti per prevenire atti illeciti fino a un importo massimo di 3 mila euro per ogni beneficiario.

Il decreto del ministro dell'economia e delle Finanze 6 febbraio 2008 ha disciplinato le modalità di accesso al beneficio ed ha previsto, all'articolo 4, comma 3, che le istanze che non trovano capienza nei fondi annualmente stanziati costituiscono titolo di precedenza per la concessione del credito d'imposta nel secondo o nel terzo periodo di applicazione della disciplina. La data dell'accertato esaurimento dei fondi è resa nota con provvedimento del direttore dell'Agenzia.

vota