Consulenza o Preventivo Gratuito

Detrazioni piene solo nel 2014

del 28/12/2013
di: Pagina a cura di Andrea Mascolini
Detrazioni piene solo nel 2014
Varranno per tutto il 2014 la super-detrazione Irpef del 50% relativa ai lavori di ristrutturazione edilizia e quella Irpef e Ires del 65% per gli interventi sul risparmio energetico. Verrà, invece, ridotta riduzione al 40 e al 50% nel 2015. È, inoltre, raddoppiato il tetto di spesa a 96 mila euro. Confermate, infine, anche le detrazioni per i mobili e gli elettrodomestici ad alta efficienza energetica collegati alle ristrutturazioni, con un tetto di 10 mila euro.

Sono queste le conferme per gli interventi di ristrutturazione edilizia contenute nella legge d stabilità per il 2014 che ha ricevuto il via libera definitivo lunedì 23 dicembre al Senato. Alle conferme, però, sono legate anche le progressive le riduzioni negli anni degli incentivi, fino al ritorno al 36% nel 2016 per le sole ristrutturazioni edilizie.

Nel 2015, i due incentivi (ristrutturazione edilizia e risparmio energetico) verranno progressivamente abbassati rispettivamente al 40% e al 50%. Dal 2016, invece, rimarrà in vigore soltanto la detrazione per le ristrutturazioni edilizie che ritornerà alla misura del 36%, con un limite di spesa di 48 mila euro per unità immobiliare.

Per gli interventi di manutenzione, ristrutturazione, restauro e risanamento conservativo, viene conferma l'impostazione iniziale del disegno di legge che prevede l'aumento della detrazione Irpef dal 36% al 50%. Saranno ricompresi nella disciplina agevolativa gli interventi per i quali sono stati effettuati pagamenti a partire dal 26 giugno 2012 e fino al 31 dicembre 2014.

Viene prorogata anche la detrazione per le spese di realizzazione dei box pertinenziali. Cambiano, invece, i limiti di spesa che da 48 mila euro arrivano a 96 mila euro per il2014. Da inizio 2015, però, la detrazione si ridurrà al 40% e l'importo detraibile sarà di 48 mila euro fino a fine 2014, di 38.400 euro nel 2015 e di 17.280 euro dal 2016.

Sul risparmio energetico, invece, la detrazione Irpef e Ires del 55%, in realtà portata al 65% per gli interventi attuati dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2013, viene prorogata, sempre al 65%, a tutto il 2014 per gli interventi per il risparmio energetico degli edifici è prorogata al 65% fino al 31 dicembre 2014. Per stabilire il momento esatto in cui applicare la disciplina (e i diversi tetti) conterà il pagamento delle prestazioni per i privati e la competenza per le imprese.

Per quel che riguarda gli interventi di risparmio energetico su «parti comuni degli edifici condominiali di cui agli articoli 1.117 e 1.117-bis del codice civile» o relativa alle «unità immobiliari di cui si compone il singolo condominio», la detrazione del 65% varrà fino al 30 giugno 2015. Poi e fino al 30 giugno 2016 l'agevolazione scenderà al 50%.

Per tutto il 2014 viene confermato lo sconto del 50% per l'acquisto, collegato a una ristrutturazione edilizia, per mobili ed elettrodomestici ad alta efficienza energetica (queste ultime con un limite di spesa pari a 10 mila euro) per un importo che complessivamente non potrà superare il costo dell'intervento di ristrutturazione.

Previste anche agevolazioni collegate all'adozione di misure antisismiche concernenti l'abitazione principale o le costruzioni destinate ad attività produttive. In questo caso la legge prevede un meccanismo analogo alle detrazioni Irpef e Ires per la ristrutturazione edilizia. In particolare vengono ritenute detraibili Irpef e Ires al 65% per pagamenti effettuati con bonifico a partire dal 4 agosto 2013 e fino al 31 dicembre 2014. L'importo della detrazione scenderà al 50% per gli interventi effettuati dal 1° gennaio 2015 al 31 dicembre dello stesso anno.

© Riproduzione riservata

vota