Consulenza o Preventivo Gratuito

Fine dell'anno al lavoro

del 27/12/2013
di: di Celeste Vivenzi
Fine dell'anno al lavoro
Anche le date del 30 e del 31 dicembre 2013 rappresentano per le aziende e per i consulenti delle giornate ricche di scadenze nonostante il periodo festivo. Tra le scadenze degne di nota che si vogliono ricordare ai lettori spiccano i seguenti adempimenti.

Presentazione tardiva del Modello Unico 2013

La normativa considera tardiva la presentazione del modello Unico 2012 ((PF-SP-SC-ENC) effettuata entro 90 giorni dalla scadenza ordinaria; l'adempimento è scaduto in data 30 settembre 2013 e pertanto entro il 30 dicembre 2013 (in quanto il 29 dicembre cade di domenica) è possibile presentare la dichiarazione tardiva tenendo in considerazione quanto segue:

- la dichiarazione è soggetta a una sanzione che va da euro 258 a euro 2.065 a prescindere dal fatto che le imposte siano state o meno versate;

- entro il 30 dicembre 2013 è possibile sanare la sanzione sopraindicata attraverso la procedura del ravvedimento operoso, che consiste nella presentazione della dichiarazione in via telematica (non si tratta di integrativa o correttiva) e nel versare una sanzione ridotta pari a un decimo dei 258 euro ovvero 25 euro tramite modello F24 compilando la sezione erario con codice tributo 8911 anno 2012 (la sanzione di 25 euro deve essere corrisposta per ogni tipo di denuncia che compone il modello Unico; Irpef e Iva danno origine a 50 euro di sanzione);

- se le imposte indicate in Unico non sono state versate o sono state versate in maniera insufficiente trova applicazione anche la sanzione del 30% che può essere sanata attraverso il versamento delle stesse unitamente al versamento degli interessi nella misura del 2,50% e della sanzione ridotta al 3,75%.

Opzione per il regime della trasparenza fiscale

Entro il termine del 31 dicembre 2013 le società di capitali (con soci in numero non superiore a dieci) o le società cooperative a responsabilità limitata (con soci in numero non superiore a 20) possono esercitare l'opzione per il regime della trasparenza fiscale di cui all'art. 116 del Tuir con riferimento al triennio 2013-2015. Si ricorda che, entro lo stesso termine, va rinnovata l'opzione anche dalle società che hanno aderito per il triennio 2010-2012 e intendono continuare ad applicare tale regime anche per il successivo triennio 2013-2015 (bisogna valutare se l'opzione è economicamente vantaggiosa e nelle realtà piccole spesso la convenienza esiste).

Stampa registri contabili

Entro il 31 dicembre 2013 i contribuenti che tengono la contabilità con sistemi «meccanografici» devono procedere alla stampa dei registri contabili dell'anno 2012. Entro la data del 31 dicembre 2013 (tre mesi dal 30 settembre 2013) deve essere aggiornato e sottoscritto, dall'imprenditore o dal legale rappresentante dell'impresa, il libro degli inventari (la sottoscrizione è condizione necessaria per la sua validità).

Occorre ricordare che per la stampa del libro giornale e del libro inventari deve essere applicata anche la normativa dell'imposta di bollo nella seguente misura:

-società di capitali: marca da bollo euro 16,00 ogni 100 pagine e tassa concessione governative da 309,87 euro a 516,46 euro;

- società di persone, imprese individuali, società cooperative: marca da bollo euro 32,00 per 100 pagine.

Ritenuta ridotta agenti di commercio

Entro il 31 dicembre 2013 gli intermediari che si avvalgono di dipendenti o di terzi nello svolgimento dell'attività possono richiedere, mediante invio di apposita raccomandata a/r al committente, l'applicazione dell'aliquota ridotta per l'anno 2014 (si applica in sostanza il 23% sul 20% dell'imponibile in luogo del 23% sul 50% ). È proprio il caso di augurare buon lavoro a tutti.

© Riproduzione riservata

vota