Consulenza o Preventivo Gratuito

Adempimenti fiscali ai raggi X

del 19/12/2013
di: di Fabio Giordano
Adempimenti fiscali ai raggi X
Si è tenuto il 3 e 4 dicembre, presso l'Hotel NH Bologna De La Gare, il tradizionale convegno di aggiornamento professionale per le case di software dal titolo «Analisi degli adempimenti fiscali 2014, aggiornamenti sulla normativa: l'impatto sul software dichiarazioni fiscali 2014 (Iva/730/Unico) 770 e Cud, denuncia infortuni e autoliquidazione Inail», organizzato da Assosoftware.

Si tratta di un appuntamento che mette a confronto gli esperti di normativa fiscale e del lavoro delle software house, con i dirigenti ed i funzionari dell'Agenzia delle entrate, del ministero delle finanze, dell'Inps, dell'Inail e di Sogei che si sono occupati ed hanno predisposto in prima persona – la modulistica e le istruzioni di compilazione relativi agli adempimenti 2014.

Alcune novità che interesseranno il prossimo anno il Modello 730/2014 illustrate dal dott. Gaetano Corallo (funzionario della Direzione centrale servizi ai contribuenti, dell'Agenzia delle entrate) e dal dott. Fabrizio Pierucci (collaboratore Entrate e Gdf, soluzioni per i servizi al contribuente, della Sogei) – riguarderanno in particolare:

- la nuova e complessa struttura dei modelli 730-3 e 730-4 che recepiscono le novità relative all'ampliamento dell'assistenza fiscale;

- le molteplici novità normative che hanno avuto impatto praticamente su tutti i quadri del modello.

Ampliamento dell'assistenza fiscale. L'articolo 51-bis, del dl 69/2013, ha stabilito che i soggetti titolari dei redditi per i quali è consentita la presentazione del modello 730, anche se privi del sostituto d'imposta, possono comunque adempiere agli obblighi di dichiarazione dei redditi presentando il modello 730 a un Caf ovvero a un professionista abilitato. In questo modo l'assistenza fiscale con il modello 730 dal prossimo anno potrà essere fruita, ad esempio, anche dai soggetti che percepiscono redditi di lavoro dipendente erogati esclusivamente da datori di lavoro non obbligati ad effettuare le ritenute d'acconto (ad esempio dai collaboratori familiari e altri addetti alla casa), nonché dai lavoratori con contratto a tempo indeterminato, se il rapporto di lavoro è cessato al momento della presentazione della dichiarazione al Caf o al professionista abilitato.

Questi contribuenti potranno presentare il modello 730 sia in presenza di un esito contabile finale a credito, che a debito: nel primo caso il conguaglio verrà effettuato direttamente dall'Agenzia delle entrate, mentre nel secondo caso il versamento dovrà essere effettuato tramite il modello F24.

In particolare se dalla dichiarazione presentata emergerà un debito, il soggetto che presta l'assistenza fiscale (Caf o professionista):

- dovrà trasmettere telematicamente la delega di versamento F24 utilizzando i servizi telematici dell'Agenzia delle entrate;

- in alternativa, dovrà consegnare la delega di versamento F24 già compilata al contribuente, che effettuerà il pagamento presso qualsiasi banca convenzionata, ufficio postale o agenti della riscossione oppure, in via telematica, utilizzando i servizi online dell'Agenzia delle entrate o del sistema bancario e postale.

Se invece dalla dichiarazione presentata emergerà un credito, il rimborso verrà eseguito direttamente dall'Amministrazione finanziaria ed avverrà con le seguenti modalità:

- per importi inferiori a 1.000 euro, il contribuente riceverà un invito a presentarsi in un qualsiasi ufficio postale dove potrà riscuotere il rimborso in contanti;

- per importi pari o superiori a 1.000 euro, il rimborso verrà eseguito con l'emissione di un vaglia della Banca d'Italia;

- in alternativa alle precedenti modalità, il rimborso potrà essere accreditato sul conto corrente del contribuente, ma solo se questi avrà fornito all'Agenzia delle entrate le coordinate del suo conto corrente bancario o postale (Iban) tramite la specifica applicazione disponibile sul proprio sito internet oppure attraverso il canale Fisconline o ancora presso qualsiasi ufficio dell'Agenzia delle entrate.

Si segnala che dal prossimo anno, anche in presenza di sostituto di imposta, il conguaglio verrà effettuato direttamente dall'Amministrazione finanziaria nel caso di rimborsi di importi superiori a 4 mila euro (ddl Stabilità 2014), ancorché determinati da eccedenze d'imposta derivanti da precedenti dichiarazioni, in quanto l'Agenzia delle entrate dovrà obbligatoriamente effettuare controlli preventivi, anche documentali, sulla spettanza delle detrazioni per carichi di famiglia entro sei mesi dalla scadenza dei termini previsti per la trasmissione della dichiarazione. Ciò comporterà naturalmente, per il contribuente, un consistente ritardo nella disponibilità delle somme spettanti.

Le novità normative. Rilevanti anche le novità normative contenute nel modello 730/2014, di seguito le principali:

- sarà possibile utilizzare il credito che risulta dal conguaglio per pagare, mediante compensazione nel modello F24, oltre all'Imu anche le altre imposte che possono essere versate con il modello F24 (quest'anno ad esempio vi è stata la Tares);

- elevato l'importo delle detrazioni per i figli a carico da 800 a 950 euro per ciascun figlio a carico di età pari o superiore a tre anni e da 900 a 1.220 euro per ciascun figlio di età inferiore a tre anni, mentre l'importo aggiuntivo della detrazione per ogni figlio disabile è passato da 220 a 400 euro;

- stabilita nella misura del 50% la detrazione per le spese relative a interventi di recupero del patrimonio edilizio sostenute nell'anno 2013 (sezioni III-A e III-B del quadro E);

- riconosciuta la detrazione del 50%, su un ammontare non superiore a 10 mila euro, per le ulteriori spese sostenute dal 6/6/2013 per l'acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+, finalizzati all'arredo dell'immobile già oggetto di ristrutturazione (sezione III-C del quadro E);

- prorogata fino al 31/12/2013 la detrazione per le spese per interventi finalizzati al risparmio energetico degli edifici, elevata ulteriormente dal 55% al 65% se sostenute dal 6/6/2013;

- per i fabbricati in locazione, ridotta dal 15 al 5% la deduzione forfettaria del canone di locazione;

- per i premi di assicurazione sulla vita e contro gli infortuni (righi da E8 a E12, codice 12), sceso a 630 euro l'importo detraibile;

- non più prorogata la detrazione di 145,75 che spettava ai lavoratori del comparto sicurezza L'adeguamento dei software, quindi, sarà quest'anno più impegnativo in quanto vi sarà la necessità di elaborare gli importi da inserire nella delega F24 nonché di modificare i flussi telematici dei modelli 730-3 e 730-4 sia in uscita verso Entratel, che in entrata verso le procedure Paghe.

vota