Consulenza o Preventivo Gratuito

Tobin ampliata ai derivati

del 07/12/2013
di: di Beatrice Migliorini
Tobin  ampliata ai derivati
Estendere la Tobin tax a tutti i prodotti derivati con aliquota allo 0,01%. Eliminare l'importo fisso di 34 euro dell'imposta di bollo sui conti correnti e deposito titoli. Introdurre la Google tax per rendere strutturale la detrazione dell'Imu sui capannoni al 30%. Rivalutare al 100% tutte le pensioni fino a quattro volte il minimo. Questi alcuni degli oltre 4.430 emendamenti presentati nei giorni scorsi, in commissione bilancio alla camera, alla legge di stabilità 2014. A farsi promotore delle proposte elencate, l'attuale coordinatore dei deputati Pd a Montecitorio Angelo Rughetti. Non è stato, però, solo il fisco a farla da padrone. Se, da un lato, infatti, è stata formalizzata la proposta per istituire il fondo per tagliare il cuneo fiscale (al 60% a beneficio dei lavoratori e al 40% a beneficio delle imprese), dall'altro lato, invece, è arrivato il dietrofront sulla questione dell'isola di Budelli. Tra gli emendamenti presentati in commissione ambiente c'è, infatti, una norma che prevede l'eliminazione dell'obbligo di acquisizione pubblica dell'isola di Budelli, eliminazione che, però, è stata subito smentita: «Si è trattato solo dell'iniziativa di un singolo che il gruppo non condivide», ha sottolineato Rughetti, «Budelli la teniamo». Affrontata, poi, anche la questione giustizia. Da parte della seconda commissione di Montecitorio sono stati presentati due emendamenti per tutelare i precari e gli stagisti degli uffici giudiziari. Per i primi, la proposta prevede lo stanziamento di 30 milioni di euro per garantire, per il prossimo anno, il lavoro ai 3.100 ex cassintegrati, disoccupati e in mobilità che hanno completato il tirocinio formativo presso gli uffici giudiziari sulla base di progetti regionali e provinciali. Per gli stagisti del decreto del fare (giovani impiegati negli uffici giudiziari), invece, la richiesta mira a garantire un rimborso spese forfettario non inferiore a 500 euro al mese. Infine, viene chiesto di destinare al ministero della giustizia il 50% del Fondo unico giustizia, dove confluiscono i proventi di sequestri e confische.

© Riproduzione riservata

vota