Consulenza o Preventivo Gratuito

Sicurezza, incentivi più pesanti

del 06/12/2013
di: di Daniele Cirioli
Sicurezza, incentivi più pesanti
Più «pesanti» gli incentivi Inail alla sicurezza. Il bando del 2013, che verrà pubblicato la settimana prossima fissando a metà marzo del prossimo anno il termine per inviare le istanze, alza l'aliquota del contributo in conto capitale al 65% del progetto proposto (in passato 50%) e eleva pure il tetto massimo di contributo finanziabile portandolo a 130 mila euro (finora 100 mila euro). Sempre con il bando 2013 inoltre le imprese avranno l'opportunità di rottamare il parco macchine e attrezzature in uso prima del 21 settembre 1996 (cioè prima della direttiva macchine) e richiedere il finanziamento per l'acquisto di nuovi impianti.

Incentivi alla sicurezza, la spinta del Civ. Gli incentivi rientrano nelle attività previste dall'art. 11 del T.u. sicurezza (dlgs n. 81/2008) che, appunto, affida all'Inail il compito di finanziare con proprie risorse, progetti di investimento e di formazione in materia di sicurezza sul lavoro, in particolare a favore delle piccole, medie e microimprese. Con delibera n. 20/2013 il Civ Inail ha sollecitato l'istituto a programmare il bando 2013 entro la fine dell'anno, per scongiurare la perdita delle risorse (che altrimenti sarebbero finite in economia nel bilancio dell'Inail). Il Civ, inoltre, ha chiesto all'istituto di attivarsi nei confronti dei ministeri vigilanti al fine di ottenere in sede comunitaria l'esclusione degli incentivi, in particolare per il settore agricoltura, dal calcolo della regola de minimis.

Pronto il bando 2013. Il bando 2013 è già pronto ed è stato presentato alle parti sociali. Il passaggio in Gazzetta Ufficiale è previsto per metà dicembre (forse già la prossima settimana) e per la presentazione delle istanze si seguirà lo stesso iter dello scorso anno. Ci sarà cioè un periodo di tempo durante il quale le imprese (o consulenti) potranno caricare le domande e verificare il raggiungimento di un punteggio limite necessario per accedere alla procedura selettiva vera e propria, a seguito della presentazione vera e propria della domanda in via telematica (in date e ore prestabilite dall'Inail, con molta probabilità nella prima metà di marzo 2014). Insomma è prevista la conferma tanto del click day che del ticket elettronico di accesso (il codice che consente l'invio della domanda).

Tre le linee di finanziamento. Nei contenuti, invece, il bando presenta diverse novità a partire dai progetti finanziabili. Infatti, gli indirizzi diventano tre rispetto ai soliti due (si veda tabella). Il nuovo indirizzo riguarda i progetti per la sostituzione o l'adeguamento di attrezzature e macchinari «ante direttiva macchine». Si tratta di impianti operativi prima del 21 settembre 1996, data di entrata in vigore del dpr n. 459/1996 che ha recepito la prime norme Ue in materia (89/392/Ce, 91/368/Ce, 93/44/Ce e 93/68/Ce), poi abrogato e sostituito dal dlgs n. 17/2010 che ha recepito la nuova direttiva macchine 2006/42/Ce. In pratica, alle imprese è data la possibilità di rottamare i vecchi macchinari e le vecchie attrezzature e di avere finanziato l'acquisto dei nuovi acquisti per garantire più elevate condizioni di sicurezza durante il loro utilizzo.

Incentivi più pesanti. Due altre novità rispetto ai bandi precedenti sono l'aliquota di contributo in conto capitale, che dal 50 passa al 65% del costo ammissibile del progetto, e il limite massimo di contributo erogabile, che da 100.000 passa a 130.000 euro con possibilità di avere un'anticipazione del 50% per i progetti d'importo almeno pari a 30.000 euro.

vota