Consulenza o Preventivo Gratuito

Londra tassa case

del 06/12/2013
di: di Tancredi Cerne
Londra tassa case
Pugno duro di Londra contro le speculazioni straniere nel mattone. A partire dall'aprile 2015 il governo imporrà una tassa sul capital gain in capo a tutti gli investitori esteri che andranno a vendere immobili che non siano la loro residenza principale. Lo ha annunciato il cancelliere dello Scacchiere, George Osborne, nel discorso d'autunno alle camere. Una misura per intervenire in particolare sull'aumento dei prezzi delle case di Londra, scongiurando la creazione di una bolla immobiliare. «Non è giusto che chi non vive qui sia esentato dalla tassa sul capital gain quando vendono una casa che non è la loro residenza», ha spiegato il premier britannico. Secondo il vice primo ministro, Nick Clegg, il picco nella domanda da parte di acquirenti stranieri, provenienti soprattutto dall'Asia e dai paesi della zona euro, sta suscitando preoccupazione circa il rischio di una bolla immobiliare. Nel 2012 i capitali investiti nel mattone di Londra hanno raggiunto il record di 7 mld di sterline, riducendo gli investimenti immobiliare da parte dei cittadini britannici. Ad oggi i residenti nel regno di Sua maestà pagano una tassa del 28% per i benefici derivanti da qualsiasi transazione immobiliare, indipendentemente dalla loro residenza, mentre gli stranieri ne sono completamente esenti.
vota