Consulenza o Preventivo Gratuito

Gioco minorile, è stretta

del 06/12/2013
di: La Redazione
Gioco minorile, è stretta
Sanzioni più severe contro il gioco minorile, divieto di fare pubblicità al gioco su tutto il territorio nazionale, introduzione della tessera sanitaria per giocare e una distanza minima delle sale di 300 metri dai cosiddetti luoghi sensibili. Sono i contenuti del testo base contro il gioco problematico approvato dalla Commissione affari sociali della Camera, che riunisce otto proposte di legge sul tema. «Non si tratta di un testo definitivo. Nelle prossime settimane verrà stabilito il termine per la presentazione di eventuali emendamenti», ha spiegato a margine dei lavori della Commissione la relatrice Paola Binetti.

TESSERA SANITARIA

L'accesso agli apparecchi da intrattenimento e ai giochi online, riferisce Agipronews, «è consentito esclusivamente mediante l'utilizzo della tessera sanitaria»; l'agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha sei mesi di tempo per emanare un decreto per «rendere obbligatoria l'introduzione di meccanismi idonei a bloccare in modo automatico l'accesso dei minori». La tessera sanitaria permetterà di registrare i dati anagrafici dei giocatori per «rilevare il numero e l'entità delle somme giocate», per consentire loro di «autoescludersi anche temporaneamente» o di «prevedere un limite alla somma giocata».

DISTANZE MINIME

Il testo prevede che «l'esercizio delle nuove sale da gioco in cui si esercita come attività principale l'offerta di scommesse sia vietato a una distanza inferiore a 300 metri da scuole, strutture ospedaliere, luoghi di culto e caserme e di 100 metri da banche e uffici postali».

DIVIETO

DI PUBBLICITÅ

Vietata «nel territorio nazionale» la propaganda pubblicitaria del gioco d'azzardo, con sanzioni che vanno da 5 mila a 50 mila euro per i trasgressori.

FONDO

ANTI-LUDOPATIA

Al Fondo per la prevenzione e la cura del gioco patologico sono destinate «le somme derivanti dalla riduzione dell'1% delle percentuali delle somme giocate destinate alla remunerazione degli operatori e dei concessionari». Il fondo per le famiglie dei giocatori patologici, invece, sarà alimentato dalle «somme derivanti da una quota percentuale dello 0,1% delle entrate derivanti dalla riscossione delle sanzioni amministrative» relative al gioco illegale.

NUMERO VERDE

Il testo prevede anche l'istituzione di un numero verde per i giocatori patologici e le loro famiglie presso il ministero della Salute e attivo 24 ore su 24, per fornire assistenza e «informazioni inerenti agli aspetti legali ed economici relative alle perdite da GAP».

©Riproduzione riservata

vota